About Us

Agenzia per il lavoro dei detenuti ancora ferma

10 Feb Agenzia per il lavoro dei detenuti ancora ferma

E’ ancora ferma l’agenzia per il lavoro dei detenuti (Anrel) la cui nascita era stata annunciata nel luglio 2010. L’agenzia, secondo una convenzione quadro con il ministero della Giustizia, avrà l’obiettivo di fare da tramite fra istituti penitenziari e datori di lavoro per l’inserimento lavorativo di detenuti ed ex detenuti delle regioni Sicilia, Campania, Lazio, Lombardia e Veneto. Il progetto, presentato dalla Fondazione Di Vincenzo in rete con associazioni di ispirazione cattolica tra cui Acli e Caritas, ma anche Coldiretti, il Comitato Nazionale per il Microcredito, l’Agenzia per i beni confiscati alla criminalità organizzata e molti altri, avrebbe dovuto prendere il via lo scorso primo gennaio. Così non è stato, perché – spiega il presidente della Fondazione – manca il decreto attuativo del finanziamento: 4,8 milioni di euro, con assegnazione ripartito in tre anni e suddiviso per le cinque regioni.  Grazie all’intervento di collocamento lavorativo e di sostegno alla famiglia dei detenuti (per un totale di 6.000 beneficiari nel triennio) il progetto Anrel mira a una significativa diminuzione dei tassi di recidiva tra coloro che lasciano il carcere.

(manuela battista)



Facebook

Twitter

YouTube