About Us

Azzardocard: presentate le card informative sul gioco d’azzardo

20 Jan Azzardocard: presentate le card informative sul gioco d’azzardo

Immagine 28Sabato 18 gennaio 2014, la riunione del coordinamento regionale di Libera è stata l’occasione per presentare le cartoline sul gioco d’azzardo create in collaborazione con l’Osservatorio regionale sul fenomeno dell’usura del Consiglio Regionale del Piemonte.   Il progetto è nato dall’esigenza di sensibilizzazione rispetto a un problema che recentemente si è intensificato e che sta assumendo derive sociali pericolose.

Il gioco appare come uno spazio innocuo, ma le occasioni lavorative mancanti e la crisi economica l’hanno trasformato per molte persone nell’ultima occasione di speranza di una vita migliore, cancellandone l’aspetto più moderato.   Il lavoro che ha portato all’ideazione delle card è stato prevalentemente di ricerca. Si è cercato, attraverso l’informazione quotidiana e una letteratura specifica, di individuare alcuni temi che potessero fissare aspetti del gioco necessari per percepirne le potenzialità negative e la portata del fenomeno nel nostro Paese.   Le statistiche sui consumi riguardanti il gioco d’azzardo rivelano un incremento della spesa relativa al gioco, somma che grava sugli esili bilanci familiari e che viene sottratta all’economia reale, non solo: è anche l’indicatore di un malessere sociale di cui il gioco è sia espressione che causa.   Nel corso del tempo il tipo di giocatore si è modificato: prima prevaleva la concezione del gioco come un rituale, con tempi delimitati. Oggi ha mutato la sua indole: il gioco occupa sempre di più i tempi e i luoghi della quotidianità, attirando quindi nuovi utenti tra cui giovani, donne e minorenni.   I fattori che hanno concorso ad alimentare questo mercato fiorente sono innumerevoli. Lo Stato in primis, che dagli anni ’90 ha costantemente rimaneggiato le leggi che in precedenza contrastavano il gioco d’azzardo, fino a considerarlo come un’azienda da far fruttare, dimenticando costi sociali che da esso sono derivati.   La legislazione, poco chiara e talvolta anche contraddittoria, e gli ingenti guadagni che il settore promette, hanno rappresentato un terreno fertile per l’insinuazione di organizzazioni di stampo mafioso nel sistema gioco, sia a livello politico che territoriale. Le mafie hanno fiutato l’affare, si sono trasformate e si sono adattate alle nuove possibilità di guadagno, con la contraffazione di macchinette, con il riciclaggio e con l’usura.  L’industria del gioco dal canto suo alimenta l’illusione di poter vincere e con semplicità. Non solo, promuove le speranze e lo fa con metodi concreti: elevando la possibilità di vincere cifre basse, programmando le slot machines in modo che il giocatore abbia la percezione di essere ad un passo dalla vincita, infine pubblicizzando i suoi prodotti tramite volti noti e accattivanti. L’Italia in materia detiene tristi primati, pur avendo solo l’1% della popolazione mondiale, ha il 23% del mercato del gioco on line. Illusioni e bramosia per il gioco portano a perdere il senso della misura e non di rado sfociano in patologia, coinvolgendo non solo il soggetto, ma anche la sua famiglia e di riflesso l’intera comunità.   Sono però i giovani il volto più preoccupante del gioco d’azzardo perché, a causa diffusione del gioco on line (il quale sfugge a ogni controllo e attraverso la diffusione di una cultura in cui pesa sempre meno la capacità di ottenere risultati con l’impegno) sembrano subirne maggiormente il fascino.  Proprio a loro va rivolta attenzione, poiché è stato dimostrato che prima ci sia avvicina al gioco e più aumenta la possibilità di sviluppare un rapporto patologico con esso.   Per questo le Azzardocard hanno una grafica semplice e dei contenuti diretti: vogliamo parlare prima di tutto ai ragazzi, anche attraverso il lavoro nelle scuole, perché si eviti il rischio che diventino prematuramente dei giocatori d’azzardo patologici.   L’auspicio è quindi che attraverso l’informazione, il dialogo e l’appoggio delle istituzioni ci si impegni a diffondere una maggiore cultura del gioco, capace di sviluppare criticità e metterne in evidenza i pericoli che comporta.

 Liberapiemonte.it



Facebook

Twitter

YouTube