About Us

Carcere italiano, il peggiore in Europa

30 Apr Carcere italiano, il peggiore in Europa

Immagine 11È stato pubblicato ieri dal Consiglio d’Europa il rapporto sulle condizioni carcerarie dei paesi membri. I dati fanno riferimento al 2012. Al netto di tutte le cifre considerate l’Italia risulta la peggiore tra i 28 paesi dell’Unione. La penultima sui 47 del Consiglio. Solo la Serbia ha un tasso di sovraffollamento superiore. Il nostro era di 145 detenuti per 100 posti letto. 160 ogni 100 in Serbia. La media europea è di 98 persone per 100 posti.
Di scarso sollievo il fatto che il rapporto giudichi grave la situazione in almeno 22 Stati. Altrettanto insignificante il fatto che la Grecia – che nel precedente rapporto aveva numeri peggiori dell’Italia – non abbia consegnato i dati al Consiglio.

Nel 2012 le carceri italiane erano stipate da 66.271 detenuti per 44.568 posti.
Le cifre dicono che il 36% di questi sono stranieri. I detenuti in attesa di giudizio sono 12.911 (di cui 10.717 stranieri).
Il 38,8% del totale si trova in cella per reati legati alla droga, mentre la media europea per lo stesso tipo di reati è del 17,1%.
Il furto di beni e il traffico di stupefacenti sono i reati per cui più facilmente si finisce in galera, in Italia come in Europa. Ma in Italia solo lo 0,7% dei ristretti si trova in carcere per delitti legati alla criminalità organizzata. Paradossalmente questo dato, rispetto agli altri paesi, è per l’Italia uno dei più contenuti.
Altra considerazione. Le misure alternative al carcere o i permessi non incidono sui rischi per la sicurezza. Se è vero che la maggior parte dei carcerati fugge durante i permessi d’uscita o quando è in semi libertà, va detto che le persone fuggite in Italia in queste circostanze sono state 148 nel 2011. In Spagna 1.510, in Francia 888, in Belgio 702. Per di più, le nostre strutture penitenziarie consentono pochissime fughe. In totale nel 2011 sono evasi 5 detenuti. Il primato appartiene alla Svizzera con 33. Seconda l’Austria (30).
In Italia il costo medio di ciascun detenuto è secondo il rapporto di 123,75 euro al giorno nel 2011, quasi 7 euro in più rispetto all’anno precedente (116,68 euro).
Infine, nel 2011 si sono suicidate in carcere 63 persone. Di più solo in Francia: 100.
Con la diffusione dei dati del rapporto sono arrivati anche i ragguagli. Giovanni Tamburino, direttore dei penitenziari italiani, ha fatto sapere che il sovraffollamento sta diminuendo. Dalle ultime stime (aprile 2014) la presenza dei detenuti è quantificabile in 59.700 persone per una capienza di circa 48.309. In due anni, sono diminuiti di circa 6.500.

(toni castellano)



Facebook

Twitter

YouTube