About Us

Cari deputati e senatori, sapete che…

10 Jun Cari deputati e senatori, sapete che…

10.06.2015 | Narcomafie

Dopo aver letto la “proposta Spilabotte”, con non poca amarezza, alcune riflessioni e domande nascono spontanee:
1 – Sapete, onorevoli deputati e senatori, che su nostra delega scrivete proposte e disegni di legge, che la cosiddetta legge “Merlin” ha avuto circa dieci anni di “gestazione” fatti di approfondimenti per conoscere  il fenomeno e incontrare le persone che vivevano sulla loro pelle il “mestiere”, la sofferenza, l’umiliazione, la schedatura? E che la senatrice Merlin ha interloquito con tutte le forze in campo producendo, incontro dopo incontro, un cambiamento culturale che ha portato a capire che, per cambiare, era importante togliere la schedatura e dare alle donne che si prostituivano altre possibilità? Sapete che in quegli anni la Merlin si è confrontata con altre realtà, all’estero, e ha capito che il controllo sanitario non serviva, semmai aggravava la situazione, e che bisognava puntare sulla prevenzione?
2 –  Sapete che prima dell’arrivo della donne migranti dai cosiddetti Paesi del Sud del Mondo la prostituzione in Italia aveva numeri residuali, e non destava problema alcuno?
3 –  Sapete che la cosiddetta legge Merlin è una legge all’avanguardia e che è stata rinnovata nel tempo da altre leggi che l’hanno corredata o, se vogliamo, aggiornata,  come l’articolo 18 del testo unico sull’immigrazione (1998) che vede l’aiuto alle vittime della tratta e il contrasto ai trafficanti,  e la legge 228 del 2003, sempre sulla tratta (nel nostro Paese al primo posto per forme di tratta lo sfruttamento a fini sessuali), senza contare le numerose leggi a tutela dei minori, anche legate allo sfruttamento a fini sessuali?
4 – Sapete che la vera “sfida” della legge Merlin è stata quella di rendere la prostituzione tra persone adulte (maggiorenni) libera, e pertanto relegata alla sfera personale,  intima,  di ciascuno, e nel contempo non l’ha definita un lavoro, punendo, nel contempo,  lo sfruttamento della prostituzione altrui?
5 – Sapete che noi abbiamo a volte buone leggi ma le applichiamo poco e male? E che voi, su questo, potreste fare molto… verificare…farle rispettare…
6 – Sapete che la maggior parte delle persone che si prostituiscono in Italia sono in qualche modo sfruttate o trafficate e che, con una regolamentazione che voi avete proposto, finirebbero ancor più nel sommerso, nello sfruttamento?
7 – Sapete che ci sono molte realtà, laiche e cattoliche, che incontrano quotidianamente tante persone che si prostituiscono? Forse questo non lo sapete… perché molte di queste non le avete mai sentite per sapere cosa ne pensano, cosa servirebbe fare?
8 – Sapete che se la prostituzione diventasse un lavoro come un altro – come voi volete – tale regolamentazione forse sarebbe accettata da una piccolissima parte del mondo di chi si prostituisce oggi: le cosiddette persone che si prostituiscono per libera scelta. Le altre, la maggior parte delle persone dedite alla prostituzione, sarebbero costrette ad adeguarsi – pena essere considerate lavoratrici in nero – o “sparire” nelle maglie dell’illegalità, del sommerso,  che le renderebbe ancor più vulnerabili? Una legge quindi per poche persone…a scapito di molte.
9 – Sapete che dove lo zooning è stato realmente efficace solo in quei luoghi dove è stato scelto come punto di arrivo di scelte politiche articolate e che in molti luoghi non è stato nemmeno necessario perché vigeva già una reale mediazione dei conflitti? Ma questo presuppone interventi sulla prostituzione e sulla tratta su cui si sta sempre più disinvestendo.
10 – Sapete che gli stati europei che hanno tentato la strada che voi proponete, uno dopo l’altro, stanno dichiarando fallite tali politiche? (Vedi Internazionale n. 1094, 20-26/3/2015).
11 – Sapete che il tentativo di “fare cassa”, denominatore comune di molte leggi delle ultime legislature, si è rivelato spesso un boomerang,  come le tanto sbandierate ordinanze anti prostituzione che anziché risolvere i problemi hanno distolto la polizia locale dalle funzioni di presidio reale del territorio e hanno radicalizzato il fenomeno o nel proprio comune, spostandolo al chiuso (la prostituzione indoor in alcune realtà ha raggiunto il 70%) o dirottandolo presso i comuni limitrofi?
12 – Sapete che se la vostra politica di “far pagare le tasse” andasse in porto, prima o poi, lo scontrino o ricevuta fiscale dovrà contenere anche il codice fiscale dell’utilizzatore finale?
13 – Per chiudere,  ma non per concludere…sapete che anche all’interno dei partiti che hanno presentato questa proposta, a iniziare dallo stesso PD, molti non concordano su quanto avete proposto? Alcuni stanno pensando a dare una possibilità di “uscita” dalla prostituzione forzata e non, alle persone che vogliono cambiare vita. Questa proposta sì che sarebbe interessante, per italiane e migranti, comunitarie e extracomunitari;  cambierebbe, a partire dalla legge Merlin, e proprio grazie a quella legge, e come quella legge ha fatto, negli anni,  i grandi numeri della prostituzione in Italia…
Parliamone e proviamoci,  se volete…-

Narcomafie.it

 

 



TEMI/RASSEGNA STAMPA

Aids/Hiv
Alcol
Ambiente
Azzardo
Caporalato
Carcere
Cocaina
Cooperazione internazionale
Corruzione
Cultura
Droghe leggere
Editoria
Eroina
Famiglie
Formazione
Giovani
Immigrazione
Lavoro
Lgbt
Luigi Ciotti
Mafie
Minori
Narcotraffico
Nuove dipendenze
Povertà ed esclusione
Prostituzione
Tortura
Torino
Tratta degli esseri umani
Volontariato
Welfare

Facebook

Twitter

YouTube