About Us

Carta di responsabilità e impegno

09 Sep Carta di responsabilità e impegno

monasteroDall’incontro con il Papa, avvenuto durante la Giornata della Memoria e dell’Impegno a favore di tutte le vittime delle mafie il 21 marzo 2014,  per numerosi sacerdoti, religiosi, vescovi e laici è iniziato un percorso che è arrivato oggi alla redazione collettiva della Carta di responsabilità e impegno, soprannominata Carta di Fondi, perchè scritta nel monastero di San Magno di Fondi. Dopo essere stati insieme per pregare, confrontarsi, capire meglio i propri limiti ma anche incoraggiarsi reciprocamente sul lavoro da fare, oltre trenta sacerdoti e religiosi che collaborano con l’associazione Libera di don Luigi Ciotti, “sulla scia dell’impegno sottoscritto nel ‘Patto delle catacombe‘ da numerosi vescovi partecipanti al Concilio Vaticano II” hanno sottoscritto il documento, sottotitolato Scelte evangeliche per un cammino di liberazione. 

 

Scelte evangeliche per un cammino di liberazione.

Siamo sacerdoti, religiosi e religiose impegnati da anni con le nostre comunità e i nostri gruppi a far incontrare le fatiche degli uomini con la tenerezza di Dio,
ci sentiamo sollecitati dal Magistero e dall’azione di Papa Francesco a favore degli ultimi e degli emarginati,
ci poniamo sulla scia dell’impegno sottoscritto nel “Patto delle catacombe” da numerosi vescovi partecipanti al Concilio Vaticano II,
ci ritroviamo alla fine di un percorso di riflessione e di preghiera che dura da molti mesi, nel Monastero San Magno di Fondi, luogo di antica spiritualità benedettina olivetana e di un’attuale presenza di Fraternità e preghiera,
consapevoli che il momento attuale, portatore di grandi e profondi mutamenti, chiedendo la fatica della conversione, genera un diffuso clima di sospetto e spesso di chiusura e di indifferenza di fronte alla vita,
provocati dall’evangelista Luca che parlandoci di Maria nel viaggio verso Elisabetta scrive, secondo una traduzione più fedele del termine greco anastàsa, “risorta, Maria in piedi”, indicandola dunque come la prima tra i risorti e prima del Risorto stesso,
con lo stile di Maria, da figli del Risorto, insieme alle nostre comunità ci impegniamo

– a non tacere dinanzi alle ingiustizie e ad ogni tipo di illegalità,
– a camminare al fianco delle vittime innocenti delle mafie e di quanti subiscono violenze e sopraffazioni, condividendo il loro dolore e la loro richiesta di giustizia e di verità,
– a contrastare ogni forma di corruzione perché cancro della civiltà e della democrazia,
– a leggere la Storia e la strada con lo sguardo dei contemplativi,
– ad evitare qualunque forma di religiosità ritualistica e alienante che deturpa il volto paterno di Dio,
– a vivere ogni manifestazione di pietà popolare nella logica della semplicità e della radicalità evangelica affinché non si trasformino in esaltazione di personaggi potenti e boss mafiosi, e in mortificazione di poveri ed ultimi,
– ad accompagnare il cammino di coloro che intendono pentirsi del male compiuto distinguendo il peccato dal peccatore,
– a realizzare luoghi nei quali trovino accoglienza uomini e donne senza nessun pregiudizio di tipo religioso, etnico e sociale,
– a vivere la misericordia come risposta ad ogni tipo di violenza e come accoglienza agli ultimi, ai poveri, agli emarginati e ai migranti,
– a promuovere e ad affermare i principi di una cultura di ecologia integrale,
– a sentirci parte integrante dell’ambiente perché ogni aggressione ad esso venga vissuto come una ferita inferta a ciascuno di noi,
– a denunciare ogni tipo di connivenza anche istituzionale che favorisce il degrado ambientale agevolando gli affari delle ecomafie,
– a vivere nella libertà ogni tipo di rapporto con la politica per non cadere nelle maglie di facili strumentalizzazioni,
– a promuovere l’affermazione di un’informazione che cerchi sempre la verità e tuteli gli ultimi,
– a liberarci e a liberare da una concezione economicistica della terra, dell’ambiente, del lavoro e delle relazioni umane,
– a denunciare quella finanza che uccide i poveri e crea disuguaglianze sociali su scala planetaria,
– a lavorare nell’educazione ad una finanza etica e giusta, e ad un’economia di pace
– a vivere il rapporto con il denaro nella logica della trasparenza e della competenza perché non si alimentino favoritismi né si assicurino privilegi,
– ad orientare le risorse economiche sempre verso il bene comune e mai verso interessi di pochi individui o di singoli gruppi, anteponendo il primato della destinazione universale dei beni ai principi della proprietà privata,
– ad accompagnare i passi dei giovani scommettendo ulteriormente sulle sfide educative e sostenendo percorsi concreti che generino un lavoro che aiuti più a cooperare che a competere,
– a tutelare i principi costitutivi della nostra Carta costituzionale, a difendere la sacralità della laicità, a promuovere percorsi virtuosi e responsabili di cittadinanza attiva.

Certi che questi impegni già caratterizzano ogni credente radicato nel Vangelo e che tanti altri fratelli e sorelle, sacerdoti, religiosi e laici vogliano sottoscriverli insieme a noi, sentiamo la responsabilità di ribadire insieme le nostre scelte, e con le nostre comunità, come Maria, vogliamo impegnarci a riconoscere e ad essere strumenti dell’azione misericordiosa e capovolgente di Dio che “rovescia i potenti dai troni e rimanda a mani vuote i ricchi” (Lc 1,52-53), perché anche noi come il profeta Geremia nello scrutare questi orizzonti incerti, con gli occhi pieni di speranza vogliamo sussurrare al mondo:“vedo un ramo di mandorlo” (Ger 1,11).

Fondi, Monastero San Magno
8 settembre 2016
Festa della Natività della Beata Vergine Maria

Luigi Ciotti
Francesco Fiorillo
Marcello Cozzi
Giorgio De Checchi
Ennio Stamile
Giuseppe Fiorillo
Sandra Rosina
Giancarlo Loriggio
Pierluigi Di Piazza
Mario Vatta
Aldo Antonelli
Pasquale Mascaro
Giorgio Moriconi
Alfredo Micalusi
Pino Demasi
Salvatore Larocca
Luigi Tellatin
Tonio Dell’Olio
Luca Facco
Marco Galletti
Gabriele Pipinato
Giuseppe Gobbo
Tommaso Scicchitano
Giorgio Pisano
Livio Gaio
Narciso Del Poz
Pasquale Aceto
Giovanni D’Andrea
Domenico Francavilla
Mimmo Nasone
Luigi Pellegrino
Tonino Palmese

 



Facebook

Twitter

YouTube