About Us

Ciao, Pino

28 Mar Ciao, Pino

393357751889Ci hai lasciati all’improvviso, e ora che a malapena ce ne rendiamo conto, capiamo quante cose, al Gruppo Abele, parlino di te. Ti piaceva lavorare nei luoghi dove si costruiscono le cose, non dove solo se ne parla. Eri un “mediano”, di quelli affidabili, che corrono e non dimenticano mai l’interesse della squadra. Come il tuo “mito” sportivo, Zanetti. Sei arrivato al Gruppo negli anni 90. Hai lavorato in accoglienza, poi hai trovato la tua collocazione all’Aliseo, la nostra realtà per le dipendenze da alcol, che è stata per anni la tua seconda casa, curata e gestita con competenza e passione, prima in quell’ufficio sotto la sede in via Giolitti, e poi, dal 2000, in corso Trapani. Eri tenace, determinato. Quando si trattò di prendere la laurea perché era divenuto un requisito indispensabile per il tuo lavoro, riprendesti gli studi interrotti quando, arrivato a Torino dalla tua Sicilia, avevi dovuto sgobbare in fabbrica per costruirti un futuro. Quell’esperienza non hai mai smesso di portartela dentro. E riaffiorava nella tua passione politica, nell’impegno per i diritti e la dignità delle persone, nella tua fiducia nel dialogo e nel confronto, maturata nell’esperienza da sindacalista e portata poi al Ceapi – il Coordinamento degli enti ausiliari – di cui eri presidente e dove rappresentavi le ragioni del “sociale” nel laborioso, a volte faticoso, rapporto con le amministrazioni.
Ci mancherà il tuo buon senso, la tua simpatia, il tuo non prenderti mai troppo sul serio, lo sguardo un po’ distaccato ma sempre benevolo con cui guardavi le cose. E lo sguardo che ti si illuminava quando parlavi dei tuoi amori – tuo figlio Francesco, Bruna, la tua famiglia – o quando raccontavi estasiato la meraviglia di un concerto jazz, la tua grande passione. Ciao Pino, ti porteremo sempre nel cuore.



Facebook

Twitter

YouTube