About Us

Comunità accoglienza: strumentale attacco a don Ciotti

13 Apr Comunità accoglienza: strumentale attacco a don Ciotti

13.04.2015 | Ansa

Roma – “L’attacco di cui è stato oggetto don Luigi Ciotti oggi, da parte del quotidiano Il Giornale, è ingiusto e strumentale”: così don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (Cnca), commenta un ampio articolo, con richiamo in prima pagina, con cui il quotidiano milanese attacca il fondatore di Libera e del Gruppo Abele definendolo “il prete delle coop” e accusandolo di fustigare tutti ma “salvare gli amici che lo finanziano”. “Per giudicare l’azione di don Ciotti – afferma Zappolini – non ci si dovrebbe limitare a una lista di finanziatori, ma ricordare quale ruolo egli ha avuto nello sviluppare una coscienza civile nel nostro paese, in particolare favorendo iniziative in tutta Italia contro le infiltrazioni mafiose e la corruzione. Chiunque ha deciso di impegnarsi contro le mafie ha trovato in lui un sostegno e un catalizzatore. Una legge importante come quella sui beni confiscati ai mafiosi si deve principalmente a lui e alla rete che ha saputo creare in ogni parte del paese. Non solo prediche, dunque, ma molti fatti. E don Ciotti ha anche più volte richiamato le organizzazioni del terzo settore al rispetto dei principi di correttezza e di trasparenza”.



Facebook

Twitter

YouTube