About Us

Si cerchino forme alternative alla pena e all’ergastolo

06 Nov Si cerchino forme alternative alla pena e all’ergastolo

06.11.2016 | Rai Uno

“È una grande emozione vedere il Papa in questo abbraccio profondo. Ogni volta che è andato in altri Paesi ha fatto tappa dentro strutture carcerarie per incoraggiare a guardare oltre, chiedere umanizzazione del carcere, l’amnistia e percorsi di pena alternativi. Perché il carcere sia l’extrema ratio”. Queste le parole di don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele, ai microfoni del programma A sua immagine, in occasione dell’Angelus del Papa di domenica 6 novembre dedicato al Giubileo dei carcerati. “Bisogna cercare forme alternative alle pene e all’ergastolo. C’è una giustizia che non vuole essere vendetta, che dovrebbe escludere una pena che uccide la speranza”, ha poi continuato il sacerdote. “Questo è un Giubileo della misericordia, il Papa ha affermato che il perdono di Dio non ha confini. E poi ci ha anche indicato che non c’e solo quella misericordia che chiediamo a Dio per noi, dobbiamo anche noi diventare testimoni di misericordia, cercare strade che permettano alle persone di assumersi le responsabilità e trovare le opportunità per poter guardare oltre” ha poi concluso don Ciotti.

 Televideoteca.it
Dal minuto 1:33 al minuto 7:53

 



Facebook

Twitter

YouTube