About Us

Dopo 34 anni. Per non dimenticare

02 Aug Dopo 34 anni. Per non dimenticare

Immagine 5Una nota del presidio Libera Emilia Romagna a sostegno dell’associazione familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980. Don Luigi Ciotti: “Quel 2 agosto del 1980 è una ferita che deve essere dentro il cuore di tutti noi”

Il 2 agosto 1980, alle ore 10,25, una bomba esplose nella sala d’aspetto di seconda classe della stazione di Bologna. Lo scoppio fu violentissimo, provocò il crollo delle strutture sovrastanti le sale d’aspetto di prima e seconda classe dove si trovavano gli uffici dell’azienda di ristorazione Cigar e di circa 30 metri di pensilina. L’esplosione investì anche il treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario.La bomba era composta da 23 kg di esplosivo, una miscela di 5 kg di tritolo e T4 detta “Compound B”, potenziata da 18 kg di gelatinato (nitroglicerina ad uso civile). Il bilancio finale fu di 85 morti e 200 feriti. La città reagì con orgoglio e prontezza: molti cittadini, insieme ai viaggiatori presenti, prestarono i primi soccorsi alle vittime e contribuirono ad estrarre le persone sepolte dalle macerie;  immediatamente dopo l’esplosione, la corsia di destra dei viali di circonvallazione del centro storico di Bologna, su cui si trova la stazione, fu riservata alle ambulanze ed ai mezzi di soccorso.

A distanza di 34 anni siamo vicini all’ Associazione familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 per non dimenticare e proseguire nel percorso di  memoria e impegno per chiedere verità e giustizia come ci ricorda Don Luigi Ciotti “:Quel 2 agosto del 1980 è una ferita che deve essere dentro il cuore di tutti noi.  Le vittime anche per la  strage di Bologna sono tutte morte per la democrazia e la libertà del nostro paese. Il bisogno di verità è un problema che tocca le nostre coscienze. E non dobbiamo permettere che siano uccise una seconda volta. Non è possibile che in Italia non si conosca la verità nemmeno di una strage. I famigliari delle vittime di mafia e di terrorismo chiedono una cosa sola: verità e giustizia. Ci sono troppi silenzi, troppe menzogne. Fare memoria è il presupposto indispensabile della giustizia. Abbiamo un debito con chi non c’è più. E quei morti li dobbiamo sentire ancora vivi, anche per le vie di Bologna: i loro sogni e speranze devono camminare sulle nostre gambe”.

Libera.it



Facebook

Twitter

YouTube