About Us

Election day 2015: al via nuova sfida di Riparte il futuro

05 May Election day 2015: al via nuova sfida di Riparte il futuro

100_700px2Candidature trasparenti e impegni concreti contro corruzione e mafia. È la nuova sfida di Riparte il futuro, la campagna di Libera e Gruppo Abele, in occasione delle prossime elezioni regionali e comunali. In occasione dell’election day del prossimo 31 maggio che vedrà impegnati  al voto 17 milioni di italiani in sette regioni – Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia per eleggere i nuovi governi regionali – e in oltre mille Comuni, Riparte il futuro chiede ai candidati al ruolo di presidente regionale e di sindaco di “dimostrare fin dalla fase elettorale il proprio impegno contro la corruzione e la criminalità organizzata”, aderendo alle proposte della campagna. Anzitutto con la trasparenza: sul sito della campagna di Libera e Gruppo Abele “tutti i candidati a Presidente e Sindaco potrannorendere trasparente la propria candidatura, fornendo pubblicamente informazioni sulla loro vita professionale, economica, giudiziaria e dichiarando potenziali conflitti d’interesse personali o mediati”. Non saranno accettate adesioni di candidati con condanne, o procedimenti giudiziari in corso, per mafia, corruzione e per reati di particolare rilevanza sociale, vista la funzione pubblica da esercitare.
Gli aderenti che saranno eletti riceveranno il braccialetto bianco di Riparte il futuro, simbolo della lotta alla corruzione ma soprattutto una promessa d’impegno: dovranno infatti garantire una gestione della res pubblica impermeabile alle forme illegali. Come? I Presidenti di Regione saranno chiamati, nei successivi 100 giorni dall’insediamento del Consiglio, a far approvare la delibera di giunta regionale Integrità a costo zero, disegnata per ciascuna regione assieme al coordinamento di riferimento di Libera. I sindaci aderenti dovranno invece prevedere, sempre in 100 giorni, la delibera comunale Trasparenza a costo zero 2015.
Il tutto sarà costantemente monitorato sulla piattaforma di Riparte il futuro.

 Firma la petizione



Facebook

Twitter

YouTube