About Us

Famiglie: basta poco a impoverire

30 Dec Famiglie: basta poco a impoverire

L’Istat ha pubblicato ieri il rapporto su “Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia” riferito al 2008-2009. I dati raccolti ci dicono che il 15,2% delle famiglie italiane presenta alcuni di quelli che Eurostat definisce “sintomi del disagio economico”. Il fatto ‘positivo’ è che complessivamente questo dato non è peggiorato rispetto all’anno precedente. Quello negativo emerge da una più attenta lettura delle statistiche, che come al solito vanno approfondite: quel 15,2% sale parecchio con l’aumentare dei componenti dei nuclei familiari, e se si scende lungo la penisola. Stringendo il campo sulle famiglie che oggi definiamo ‘numerose’, scopriamo che il “disagio” appartiene al 27% di quelle che hanno più di tre figli sotto la maggiore età, e al 25% di quelle che abitano nel Mezzogiorno.
Il dato che fa più rumore rimane l’aumento di un punto percentuale (dal 32 al 33%) delle famiglie che non riuscirebbero a far fronte a spese straordinarie sopra i 750 euro. Di pochi giorni fa era la notizia che i rincari sui beni e servizi primari previsti per il prossimo anno peseranno sui bilanci familiari per oltre mille euro nell’arco dei dodici mesi: questi due dati affiancati non possono non destare attenzione.
La situazione fotografata dall’Istat trova riscontro nel nostro territorio. Dal rapporto Caritas di settembre sappiamo che a Torino, compresa la prima cintura, sono 7.000 le persone che vivono in condizioni precarie. Di queste, ben 3.000 sono classificate come “nuovi poveri”: persone che perdono il lavoro e da una condizione di benessere approdano a situazioni di grave difficoltà economica, molto spesso senza nemmeno sapere a chi rivolgersi per ottenere un sostegno.

(toni castellano)



Facebook

Twitter

YouTube