1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

"Altro che tagli, la cultura è un obbligo dello Stato"

 
Ettore Scola

Perché anche in tempo di crisi la cultura resta un bene primario? Sono giuste le proteste del mondo dello spettacolo o si deve tutti tirare la cinghia? Quale futuro può avere un Paese in cui la proposta culturale viene delegata ai privati? Lo abbiamo chiesto ad  Ettore Scola, maestro del cinema italiano e voce della protesta contro i tagli governativi al mondo dello spettacolo.
 

Ettore Scola, lei parla di "cinecidio premeditato da parte del Governo". Quale pensa possa esserne il movente?
È vero che la crisi economica impone dei tagli, ma quando i tagli sono orizzontali nascondono altre volontà. Perché non si parla di ridurre le spese inutili, su cui saremmo tutti d'accordo. Ma di tagliare orizzontalmente, senza un criterio. E ciò nasconde la volontà di trascurare e addirittura di danneggiare il mondo della cultura, che sia cinema, teatro, letteratura, ricerca, scuola.. . E' mal visto tutto ciò che è d'interesse pubblico e migliora il cittadino affinandone lo spirito critico.
Non bisogna criticare, ragionare, pensare: perciò lettura e cinema diventano momenti inutili. Scuola e teatro, meno se ne parla è meglio è. Meglio invece privilegiare la tv, che è molto più controllabile, oppure il settore privato - che infatti viene favorito - perché non è pericoloso. Oltre al fatto che non è aperto a tutti ma solo ad alcuni che se lo possono permettere.
 

La cultura resta un bene primario anche quando la situazione economica impone dei sacrifici?
Bisogna fare sacrifici in tempo di crisi e il cinema già lo fa. Ai miei tempi, quando ho iniziato,  si producevano quattrocento film all'anno. Adesso sono al massimo 10-15. Quindi, come vede, i risparmi si fanno e ciò avviene anche nell'aspetto occupazionale, con i 150 mila lavoratori del settore rimasti senza lavoro.
 

Ma tutta la produzione del mondo dello spettacolo è di qualità e quindi merita di essere difesa?
È come dire: siccome non tutti i libri sono di qualità meglio non difendere l'editoria. La qualità deriva anche dalla quantità di produzioni. Certo se si fanno dieci film è difficile che venga fuori il capolavoro. Se invece se ne realizzano cento c'è qualche probabilità in più. E poi chi decide che cosa è bello o brutto? Solo il pubblico può, scegliendo liberamente di vedere o non vedere un film o leggere un libro. Selezionare a monte, tagliare i fondi per evitare libri o film brutti mi pare sbagliato.
 

Un paese che si indebolisce sul piano culturale è un paese che si indebolisce anche sul piano etico?
Intanto, etica ed estetica sono sempre legate. E poi un paese esteticamente brutto, come si avvia ad essere il nostro, è anche eticamente immorale. Anche uno spettacolo immorale è brutto, così come una proposta di valore estetico è altamente morale. Questi sono tutti concetti da rivalutare politicamente.
 

Cosa si augura per il futuro del cinema e del pubblico italiano?
Mi auguro non soltanto maggiori fondi, che certamente aiutano. Ma una diversa valutazione della cultura, una diversa ottica che non sia solo imbevuta di pregiudizio o ostilità. Che si capisca che i soldi destinati alla cultura non sono spese ma investimenti per un futuro migliore, per i giovani, per i bambini, per i cittadini. E quindi, in quanto investimenti, interesse e obbligo per lo Stato.

(Elena Ciccarello)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo piano

  1. 03.07.2015. Italia: la crisi incide sul benessere dei minori

    I dati Istat per l'Authority per l'infanzia e l'adolescenza collocano il nostro Paese al ventiduesimo posto tra i 29 paesi ricchi per la condizione dell'infanzia

  2. 02.07.2015. La rivoluzione cartesiana

    Compie vent'anni il Progetto Cartesio della Cooperativa Arcobaleno, che nel '95 ha portato nelle case dei torinesi l'idea della raccolta differenziata della carta, e con sè anche quella del recupero sociale delle persone in difficoltà

  3. 30.06.2015. Il reddito di dignità misura di giustizia sociale

    L'intervento di Luigi Ciotti all'incontro con i Parlamentari organizzato dalla campagna per il Reddito di Dignità, promossa da Libera e Gruppo Abele e la partecipazione di BIN Italia e Cilap

  4. 30.06.2015. Armonia 2015, Festival in memoria di Bruno Caccia

    La rassegna artistica si svolge ogni anno nel bene confiscato alla famiglia Belfiore ed è organizzata da Libera Piemonte, Acmos e Gruppo Abele

  5. 29.06.2015. Alla stazione per incontrare il mondo

    In un momento in cui si parla di immigrazione in termini di invasione, una festa come Le Terre attraverso il Mare è necessaria. Perché il viaggio verso la terra sognata è anzitutto un diritto, sancito dall'articolo 13 della Dichiarazione universale dei diritti umani

  6. 26.06.2015. World Drug Day, cosa sta cambiando?

    Per il 2015, se qualcosa sta cambiando, lo abbiamo chiesto a Marco Perduca, ex Senatore, rappresentante all'Onu del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito e ex segretario della Lega Internazionale Antiproibizionista

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS