1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 19.12.2014. "Non si possono aspettare 20 anni per avere giustizia"

    La lettera con cui la madre di Ilaria Alpi, Luciana, si dimette dall'associazione dedicata a sua figlia e denuncia l'amarezza nel constatare come né l'impegno né le indagini abbiano prodotto risultati

  2. Quei bambini persi nella notte di Lacor

    Guerra, fame, disperazione. Il libro "I bambini della notte" raccontato dai due autori Francesco Bevilacqua e Mariapia Bonanate durante la presentazione alla Fabbrica delle "e". Bevilacqua: la guerra un'esperienza che non ti lascia più 

  3. 15.12.2014. In nome del popolo inquinato: subito i delitti ambientali nel codice penale

    Terra dei fuochi, Marghera, Taranto, Gela, Eternit, Valle del Sacco, Quirra: con l'inserimento nel Codice penale dei delitti ambientali sarà possibile aiutare magistratura e forze dell'ordine

  4. 12.12.2014 L'eroina non è mai andata via

    E' cambiata la forma d'assunzione, si è adeguata ai tempi, è entrata in fasce sociali che venivano ritenute immuni, diffondendosi soprattutto tra i giovani. L'eroina è entrata nella società in crisi

  5. 12.12.2014 Un caffè=un aiuto

    Cinque centesimi sull'importo di ogni caffè consumato nelle sue caffetterie alla Mole Antonelliana (Torino) e a Chieri che Vergnano donerà al Gruppo Abele per sostenere il progetto della Communauté Abel

  6. 11.12.2014 La storia dei beni confiscati in Piemonte: Cascina Caccia

    Simbolo passato di prepotenza e di violenza, oggi Cascina Caccia si è trasformata in emblema di partecipazione e di costruzione collettiva di democrazia

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS