1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 05.03.2015. Courgné, conclusi i festeggiamenti del capodanno cinese

    Fra cibo tradizionale, danze, canti, esibizioni di arti marziali, suoni di flauti e chitarre, quella di domenica scorsa è stata una festa per celebrare l'inizio dell'anno della capra

  2. 04.03.2015. Approvato al Senato ddl ecoreati. Libera: Ora accelerare alla Camera

    "Siamo vicinissimi a una legge che aspettiamo da oltre vent'anni". Così, in una nota, Libera e Legambiente esultano per l'approvazione di oggi a Palazzo Madama

  3. 26.02.2015. Processo Eternit "prescritto prima di iniziare"

    All'indomani della prima sentenza che lasciava senza colpevoli le oltre 3mila vittime dell'Eternit, Libera e Gruppo Abele tramite Riparte il futuro hanno lanciato una campagna di raccolta firma

  4. 26.02.2015. Lotta alla povertà: cos'ha fatto la politica italiana?

    Il titolo del rapporto di ActionAid uscito in occasione della Giornata mondiale della giustizia sociale è anche il titolo dell'intervista al segretario italiano Marco De Ponte: quanto dista l'interesse politico dall'indigenza

  5. 25.02.2015. A Torino è 'ndrangheta. Irrevocabile la condanna per 50 affiliati

    Nessun nuovo processo. La Camera di Consiglio della Cassazione conferma le condanne derivate dalla chiusura dell'operazione Minotauro

  6. 25.02.2015. StopOpg: a marzo lo sciopero della fame

    Gli esponenti del comitato per la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari si alterneranno nel digiuno, durante tutto il mese, per evitare un'altra proroga alla chiusura

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS