1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 29.07.2014 Bergonzoni e Ciotti. Un selfie per Riparte il Futuro

    A margine dell'incontro-spettacolo alla Certosa 1515 lo scrittore e comico bolognese ha posato col presidente del Gruppo Abele a sostegno della campagna contro la corruzione e della sua ultima iniziativa #primadellevacanze

  2. 26.07.2014 Anche in Umbria... Riparte il futuro!

    Consegnati i braccialetti bianchi ai sindaci umbri che hanno sottoscritto gli impegni di trasparenza e legalità chiesti da oltre 500mila cittadini

  3. 25.07.2014 Risorse 8 per mille per edilizia scolastica: via libera dal Consiglio dei Ministri al Decreto presidenziale

    Benvenuti in Italia, Cittadinanza attiva, Libera e Legambiente: "ora occorre trasparenza nei metodi di suddivisione di questi fondi"

  4. 18.07.2014 Via d'Amelio: la memoria diventa impegno

    In ricordo della strage del 19 luglio 1992 in cui persero la vita Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina

  5. 16.07.2014 Riparte il futuro... da Avigliana!

    Ventuno giovanissimi impegnati in quattro giornate di incontri, laboratori e seminari sul tema della corruzione

  6. 16.07.2014 Pace, libertà e giustizia per Palestina e Israele

    Il 16 luglio, in Italia, aderendo ad un appello della Rete della Pace, le piazze delle città si sono riempite per chiedere l'immediato cessate il fuoco tra Palestina e Israele. Anche Torino ha risposto

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS