1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 02.09.2015. Oim: i numeri dell'esodo nel Mediterraneo

    Salgono a 351.000 i migranti che da inizio anno hanno tentato di raggiungere l'Europa via mare, oltre 2600 i morti accertati. Il Paese con il più alto numero di arrivi è la Grecia seguita da Italia e
    Spagna

  2. 24.08.2015. Piccoli schiavi invisibili

    L'annuale dossier di Save the Children fa il punto sullo sfruttamento dei minori e sottolinea il drastico aumento di manovalanza under 18 adescata nei luoghi degli sbarchi sul Mediterraneo

  3. 10.08.2015. No-profit una marcia in più all'economia italiana

    Più del 4 percento del Pil italiano è creato dalle associazioni e dalle imprese con obiettivi sociali. A partire dai dati del Rapporto Italia abbiamo intervistato il direttore di Aiccon, Paolo Venturi

  4. 04.08.2015. Raccontare per educare

    La narrazione come pratica educativa e auto-educativa; le parole come veicolo per la conoscenza di sé e dell'altro. Questo il senso della terza edizione della scuola di narrazione educativa Raccontare, svoltasi alla Certosa 1515 di Avigliana

  5. 04.08.2015. Dati Svimez, il commento della campagna Miseria Ladra

    Un Paese sempre più diseguale e spaccato in due, dove il Sud viene condannato al sottosviluppo permanente. Al Sud un italiano su tre è in povertà, al nord uno su dieci. A questo dato si accompagna il taglio del 58% del Fondo Sociale 

  6. 27.07.2015. Volvera: Estate Liberi a Cascina Arzilla

    Un esempio positivo dove, grazie alla collaborazione tra diverse realtà, un bene abbandonato confiscato alle mafie riesce a diventare uno spazio per incontrarsi e lavorare insieme. Quest'anno ha ospitato il primo campo di Estate Liberi

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Camminare fa bene alla salute

    di Maddalena Antognoli

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS