1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 30.10.2014 Immigrazione, in Piemonte aumentano gli ingressi

    Dal 2012 al 2013 la popolazione straniera è passata da 384.996 a 425.523 persone. A dirlo il rapporto Immigrazione 2014, realizzato da Idos

  2. 23.10.2014 Tutti a #contromafie

    A Roma dal 23 al 26 ottobre si sono tenute quattro giornate di dibattiti, incontri e studio per fare il punto sulla lotta alle mafie e alla corruzione. Ecco come è andata

  3. 20.10.2014 Social network: quello che i genitori devono sapere

    Intervista a Gianfranco Todesco, commissario Capo del Nucleo Investigazioni Scientifiche e Tecnologiche della Polizia locale di Torino

  4. 22.10.2014 Al via il Salone del Gusto 2014

    Inizia il 23 ottobre la decima edizione del Salone. Fino al 27 ottobre lo spazio del Lingotto Fiere di Torino ospiterà conferenze e corsi dedicati al cibo

  5. 17.10.2014 Stop povertà

    In occasione della Giornata Mondiale contro la povertà il Gruppo Abele, Libera, e numerose altre associazioni hanno promosso, per la campagna Miseria ladra, un sit-in a Roma, davanti Montecitorio

  6. 17.10.2014 Luigi Ciotti in risposta all'articolo di Vita.it

    "Se una legge non ha come fine ultimo la libertà delle persone, può diventare uno strumento di discriminazione. Vale anche per il gioco d'azzardo, a cui non basta la parola legale per giustificarne i danni"

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Nasi rossi in Cascina

    di Chiara Caprioglio

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS