1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 23.04.2015. Migranti: diritti alla deriva 

    Dal 1988 al 2014 i morti nel Mediterraneo sono stati oltre 21mila. Negli ultimi anni il fenomeno ha assunto proporzioni sempre maggiori: l'Oim stima che per i primi due mesi e mezzo del 2015 siano già 900 le vittime

  2. 20.04.2015. Strage di migranti nel Mediterraneo. Libera: "Immenso dolore per le vittime"

    Ennesima tragedia nel canale di Sicilia. Secondo i migranti sbarcati sull'isola, sarebbero 700 le persone morte durante il viaggio che li avrebbe portati in Italia. Libera sollecita l'Europa

  3. 17.04.2015. Beni confiscati in Piemonte: numeri, possibilità, soluzioni

    Un convegno per parlare del riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie in Piemonte, con lobiettivo di ragionare sulla legge 109 del '96: limiti e punti di forza nell'affidamento dei beni confiscati

  4. 17.04.2015. Claudio Fava commenta gli attacchi de "Il Giornale" a don Ciotti

    Con un post Facebook il vice presidente della Commissione parlamentare antimafia ha commentato le polemiche del quotidiano diretto da Sallusti in merito alle vicende di corruzione che hanno investito Lega Coop

  5. 15.04.2015. La scuola italiana è sempre più multietnica

    Gli alunni di origine straniera che frequentano la scuola in Italia sono 802.844, registrando una crescita di 16.124 unità rispetto all'anno scolastico precedente e segnando un +19,2% rispetto agli ultimi cinque anni

  6. 10.04.2015. Le università torinesi ricordano gli studenti uccisi al Garissa College in Kenya

    Mentre le autorità continuano le indagini sugli autori del massacro, il blogger kenyota Owaahh ha lanciato il progetto #147notjustanumber per ricordare strage avvenuta lo scorso 2 aprile

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Rien de stupéfiant. Que du plasir

    di Alessandro Butti e Julie Fanutza

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS