1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 11.04.2014 Nota dell'Ufficio di presidenza di Libera sul 416ter

    Libera auspica l'immediata e definitiva approvazione al Senato della riforma del 416ter. Riforma sostenuta da oltre 465mila cittadini che hanno firmato la petizione della campagna Riparte il futuro

  2. 09.04.2014 Campagna Miseria Ladra: "Non c'è più tempo da perdere"

    Nel ricevere il Premio Fontamara per il contrasto alle ingiustizie sociali, ai tagli nell'erogazione dei servizi e le disuguaglianze, l'iniziativa contro la povertà di Gruppo Abele e Libera rilancia la propria denuncia

  3. 07.04.2014 I nuovi schiavi: in cammino contro la tratta degli esseri umani

    Da Roma il 7 aprile al 15 giugno in Sicilia, dopo aver attraversato tutta l'Italia, la Carovana antimafie 2014

  4. 04.04.2014 Abrogato il reato di clandestinità: il commento del Forum Terzo Settore 

    Pietro Barbieri: "importante passo avanti, ma si continui a lavorare in un'ottica di lungo periodo"

  5. 02.04.2014 "I ripartenti" non sono mai partiti

    Dall'ultimo Rapporto sull'esclusione sociale Caritas emerge un aumento della povertà e un peggioramento delle condizioni di vita di chi vive ai margini

  6. 01.04.2014 OPG, chiusura rinviata con decreto: si protrae la sofferenza

    Dal comitato a cui il Gruppo Abele aderisce: "il 1° aprile scadeva il termine per la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari e invece il governo ha approvato un decreto di proroga"

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Africa... progetti in campo

    di Adriana Bianco

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS