1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 16.07.2015. "Sdegno e vergogna per le accuse rivolte a Lucia Borsellino"

    Don Ciotti sull'intercettazione tra Rosario Crocetta, governatore della Sicilia e il suo medico personale e primario dell'ospedale Villa Sofia, Matteo Tutino. "Lucia un esempio di competenza e passione civile"

  2. 14.07.2015. Prendersi cura dei luoghi della pena

    Spaziviolenti è un gruppo studentesco che lavora secondo il metodo dell'autocostruzione, operando in spazi pubblici trascurati. L'edizione 2015, dedicata al carcere, è presso il Lorusso e Cutugno di Torino

  3. 14.07.2015. Il difficile superamento degli Opg

    A tre mesi dal 31 marzo abbiamo chiesto a Michele Miravalle, coordinatore dell'Osservatorio sulle condizioni detentive di Antigone e autore del saggio Roba da matti (Edizioni Gruppo Abele) quale sarà la nuova casa italiana dei folli-rei

  4. 09.07.2015. Ciao Santo, amico di una vita

    Il saluto di Luigi Ciotti per il giornalista e direttore di Libera Informazione Santo Della Volpe, esempio di un giornalismo
    libero, indipendente, indisponibile ai silenzi e alle parole di comodo

  5. 06.07.2015. A Milano, l'economia sociale che nutre Messina

    Quattro giorni di dibattiti e proposte per un'idea economica alternativa e vincente. La presenta Gaetano Giunta per la Fondazione Comunità

  6. 03.07.2015. Italia: la crisi incide sul benessere dei minori

    I dati Istat per l'Authority per l'infanzia e l'adolescenza collocano il nostro Paese al ventiduesimo posto tra i 29 paesi ricchi per la condizione dell'infanzia

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS