1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

la chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica

Vicini a don Campisano, vittima di intimidazioni in Calabria

Ancora un'aggressione, in questa estate già segnata da altri episodi di intimidazione contro chi si batte per la legalità e la responsabilità nella bella ma difficile terra di Calabria. Questa volta a subire un attacco da probabile mano mafiosa è stato don Giuseppe Campisano, parroco della chiesa di San Rocco a Gioiosa Ionica, che ha trovato la sua auto danneggiata da colpi di fucile. Le cosche locali non hanno evidentemente gradito la determinazione di don Giuseppe nel denunciare il potere della 'ndrangheta nella Locride e le mille complicità di cui gode. Né la sua idea di trasformare la tradizionale processione di San Rocco, molto sentita dalla popolazione, in un momento di testimonianza anche civile, di presa di coscienza e impegno contro ogni forma di violenza, illegalità e malaffare. Nei giorni precedenti la festa religiosa, infatti, che si è svolta domenica 28 agosto, i cittadini di Gioiosa avevano partecipato numerosi agli incontri organizzati sul sagrato della chiesa con esponenti delle istituzioni, della magistratura e del mondo della associazioni impegnati nel contrasto a quella che lo stesso parroco ha definito «la peggiore piaga della Calabria».
Attraverso segnali del genere le organizzazioni criminali puntano a scoraggiare e isolare le persone come don Campisano. In questo come in altri casi però, la reazione della parte sana del territorio non ha tardato: diversi i messaggi di una solidarietà che vuole e deve essere specchio di sempre maggiore corresponsabilità, del desiderio di tante realtà e persone di essere vicine al parroco di Gioiosa Ionica non solo a parole ma nei fatti, nella coerenza delle scelte quotidiane.

(CM)

 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 26.09.2014 In ricordo di Mauro Rostagno, 26 anni dopo

    Per anni non si è potuto dire chi fosse stato a premere il grilletto. Ora sappiamo che a uccidere Mauro Rostagno è stata la mafia la notte del 26 settembre del 1988

  2. 24.09.2014 Salva famiglie: insieme per la solidarietà

    Libera e BNL hanno realizzato un progetto che semplifica l'accesso al welfare territoriale per nuclei familiari, nel Sud Ovest milanese, dove sono in crescita disoccupazione e criminalità

  3. 25.09.2014 "Autoriciclaggio: niente sconti a chi ci ruba il futuro. Il governo faccia un passo indietro"

    Una nota congiunta di Libera, Cgil, Cisl e Uil in merito alle norme previste dal disegno di legge del governo in materia di autoriciclaggio

  4. 24.09.2014 Il Filo d'Erba bandisce "Muro Nostrum"

    L'associazione di Rivalta ha indetto per il 4 e 5 ottobre un concorso per writer, sui temi dell'immigrazione, nell'ambito della festa organizzata dalla comunità di famiglie. Le iscrizioni scadono il 28 settembre

  5. 22.09.2014 La storia dei beni confiscati in Piemonte: il Bar Italia Libera

    Sequestrato con l'operazione Minotauro del 2011, è stato per anni in quartier generale degli affari 'ndranghetisti all'ombra della Mole. Oggi è un luogo completamente diverso

  6. 17-20.09.2014 IX incontro internazionale del Forum Paulo Freire

    Sentieri di emancipazione al di là della crisi, a Torino, il IX Forum Internazionale Paulo Freire, promosso da IPF Italia e Gruppo Abele. Le interviste ai relatori

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Buona scuola

    di Grazia Liprandi

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS