1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

sciopero generale

Il Gruppo Abele condivide le ragioni dello sciopero generale del 6 settembre

Un welfare sempre più fragile e in difficoltà. Una manovra finanziaria che, nelle sue diverse versioni, non cambia la sostanza: penalizza i più poveri, non tocca i privilegi di chi ha di più, e resta debole nella lotta alla corruzione, all'evasione fiscale e al malaffare, da cui si potrebbero recuperare molte risorse per il bilancio del Paese.
Per questo motivo, il 6 settembre, il Gruppo Abele ha unito la sua voce a quella dei tanti lavoratori che sono scesi in oltre 100 piazze italiane per lo sciopero generale indetto dalla Cgil. Lo abbiamo fatto per chiedere maggiore tutela e dignità per il nostro lavoro: un servizio orientato al bene comune, che, malgrado sia soffocato dai tagli, vuole continuare a dare risposte ai bisogni di chi fa più fatica e a tutelare i diritti di tutti. Lo abbiamo fatto perché crediamo nella giustizia sociale e nella necessità di una distribuzione più equa del benessere. E perché vogliamo testimoniare il nostro impegno e la nostra determinazione affinché questo cambiamento si realizzi.
 
(M.Bat.)

Guarda le nostre foto della manifestazione:
- Set1  (di Francesco Maranzano)
- Set 2 (di Luca Marchi)

 
 

Gabriella Stramaccioni (Libera): "una manovra iniqua"

 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 02.09.2015. Oim: i numeri dell'esodo nel Mediterraneo

    Salgono a 351.000 i migranti che da inizio anno hanno tentato di raggiungere l'Europa via mare, oltre 2600 i morti accertati. Il Paese con il più alto numero di arrivi è la Grecia seguita da Italia e
    Spagna

  2. 24.08.2015. Piccoli schiavi invisibili

    L'annuale dossier di Save the Children fa il punto sullo sfruttamento dei minori e sottolinea il drastico aumento di manovalanza under 18 adescata nei luoghi degli sbarchi sul Mediterraneo

  3. 17.08.2015. Che cosa c'è dopo gli Opg?

    Oltre 4 mesi fa, la mancata proroga sulla chiusura degli Opg. Oggi, a distanza di oltre quattro mesi, che cosa è cambiato? Abbiamo, sentito le voci di Stefano Cecconi, coordinatore della campagna StopOpg, e Anna Greco, portavoce del Comitato StopOpg per il Piemonte

  4. 10.08.2015. No-profit una marcia in più all'economia italiana

    Più del 4 percento del Pil italiano è creato dalle associazioni e dalle imprese con obiettivi sociali. A partire dai dati del Rapporto Italia abbiamo intervistato il direttore di Aiccon, Paolo Venturi

  5. 04.08.2015. Raccontare per educare

    La narrazione come pratica educativa e auto-educativa; le parole come veicolo per la conoscenza di sé e dell'altro. Questo il senso della terza edizione della scuola di narrazione educativa Raccontare, svoltasi alla Certosa 1515 di Avigliana

  6. 04.08.2015. Dati Svimez, il commento della campagna Miseria Ladra

    Un Paese sempre più diseguale e spaccato in due, dove il Sud viene condannato al sottosviluppo permanente. Al Sud un italiano su tre è in povertà, al nord uno su dieci. A questo dato si accompagna il taglio del 58% del Fondo Sociale 

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Camminare fa bene alla salute

    di Maddalena Antognoli

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS