1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

manifestazione

Servizi socio-assistenziali in piazza per la dignità del lavoro sociale e di chi è più fragile

Lo hanno scritto su bandiere tricolori e magliette: "È compito della Repubblica (e quindi anche della Regione) rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana ...". Così, con un richiamo all'articolo 3 della Costituzione italiana, sono scesi in piazza il 13 settembre gli operatori sociali piemontesi che lavorano nei consorzi socio-assistenziali, emanazione dei Comuni. E con loro tante famiglie, associazioni del terzo settore e centinaia di sindaci di Comuni grandi e piccoli del Piemonte, per chiedere dignità per il lavoro sociale e per quei cittadini che hanno bisogno di sostegno, economico e non solo. Il taglio di 12 milioni di euro al fondo per le politiche sociali della regione, previsto dal Governo per l'anno in corso, sta ricadendo a pioggia sugli enti pubblici più vicini ai cittadini e in particolare sulle persone che fanno più fatica: famiglie con persone disabili o con redditi sotto la soglia della povertà, anziani, nuclei famigliari numerosi. E questo proprio quando la crisi si fa più sentire sull'economia reale, comportando un aumento delle richieste di aiuto, come ha sottolineato l'assessore alle politiche di cittadinanza attiva della Provincia di Torino Mariagiuseppina Puglisi, presente alla manifestazione.
La protesta di ieri pomeriggio sotto il palazzo della Regione Piemonte, a cui ha partecipato anche il Gruppo Abele, è stata organizzata dalle Lega delle Autonomie presieduta da Umberto d'Ottavio, che ha commentato: "Sappiamo che i tagli regionali sono responsabilità del Governo, ma chiediamo al presidente Cota di far sentire con forza la propria voce, così come hanno fatto altri presidenti di Regione. Chiediamo inoltre che venga prorogato lo scioglimento dei consorzi socio assistenziali previsto dalla Manovra perchè non vengano ulteriormente indebolite le politiche di sostegno a favore dei cittadini più fragili". Una delegazione di manifestanti è stata ricevuta nel tardo pomeriggio da Elena Maccanti, assessore agli Enti Locali della Regione Piemonte, la quale ha ricordato l'impegno della Regione nell'integrare in parte i fondi statali tagliati. Oggi, 14 settembre, una conferenza Regioni-Autonomie Locali cercherà un accordo sui punti sollevati dai Comuni e dalle famiglie.

(M.Bat.)

 
 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 19.12.2014. "Non si possono aspettare 20 anni per avere giustizia"

    La lettera con cui la madre di Ilaria Alpi, Luciana, si dimette dall'associazione dedicata a sua figlia e denuncia l'amarezza nel constatare come né l'impegno né le indagini abbiano prodotto risultati

  2. Quei bambini persi nella notte di Lacor

    Guerra, fame, disperazione. Il libro "I bambini della notte" raccontato dai due autori Francesco Bevilacqua e Mariapia Bonanate durante la presentazione alla Fabbrica delle "e". Bevilacqua: la guerra un'esperienza che non ti lascia più 

  3. 15.12.2014. In nome del popolo inquinato: subito i delitti ambientali nel codice penale

    Terra dei fuochi, Marghera, Taranto, Gela, Eternit, Valle del Sacco, Quirra: con l'inserimento nel Codice penale dei delitti ambientali sarà possibile aiutare magistratura e forze dell'ordine

  4. 12.12.2014 L'eroina non è mai andata via

    E' cambiata la forma d'assunzione, si è adeguata ai tempi, è entrata in fasce sociali che venivano ritenute immuni, diffondendosi soprattutto tra i giovani. L'eroina è entrata nella società in crisi

  5. 12.12.2014 Un caffè=un aiuto

    Cinque centesimi sull'importo di ogni caffè consumato nelle sue caffetterie alla Mole Antonelliana (Torino) e a Chieri che Vergnano donerà al Gruppo Abele per sostenere il progetto della Communauté Abel

  6. 11.12.2014 La storia dei beni confiscati in Piemonte: Cascina Caccia

    Simbolo passato di prepotenza e di violenza, oggi Cascina Caccia si è trasformata in emblema di partecipazione e di costruzione collettiva di democrazia

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS