1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

manifestazione

Servizi socio-assistenziali in piazza per la dignità del lavoro sociale e di chi è più fragile

Lo hanno scritto su bandiere tricolori e magliette: "È compito della Repubblica (e quindi anche della Regione) rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana ...". Così, con un richiamo all'articolo 3 della Costituzione italiana, sono scesi in piazza il 13 settembre gli operatori sociali piemontesi che lavorano nei consorzi socio-assistenziali, emanazione dei Comuni. E con loro tante famiglie, associazioni del terzo settore e centinaia di sindaci di Comuni grandi e piccoli del Piemonte, per chiedere dignità per il lavoro sociale e per quei cittadini che hanno bisogno di sostegno, economico e non solo. Il taglio di 12 milioni di euro al fondo per le politiche sociali della regione, previsto dal Governo per l'anno in corso, sta ricadendo a pioggia sugli enti pubblici più vicini ai cittadini e in particolare sulle persone che fanno più fatica: famiglie con persone disabili o con redditi sotto la soglia della povertà, anziani, nuclei famigliari numerosi. E questo proprio quando la crisi si fa più sentire sull'economia reale, comportando un aumento delle richieste di aiuto, come ha sottolineato l'assessore alle politiche di cittadinanza attiva della Provincia di Torino Mariagiuseppina Puglisi, presente alla manifestazione.
La protesta di ieri pomeriggio sotto il palazzo della Regione Piemonte, a cui ha partecipato anche il Gruppo Abele, è stata organizzata dalle Lega delle Autonomie presieduta da Umberto d'Ottavio, che ha commentato: "Sappiamo che i tagli regionali sono responsabilità del Governo, ma chiediamo al presidente Cota di far sentire con forza la propria voce, così come hanno fatto altri presidenti di Regione. Chiediamo inoltre che venga prorogato lo scioglimento dei consorzi socio assistenziali previsto dalla Manovra perchè non vengano ulteriormente indebolite le politiche di sostegno a favore dei cittadini più fragili". Una delegazione di manifestanti è stata ricevuta nel tardo pomeriggio da Elena Maccanti, assessore agli Enti Locali della Regione Piemonte, la quale ha ricordato l'impegno della Regione nell'integrare in parte i fondi statali tagliati. Oggi, 14 settembre, una conferenza Regioni-Autonomie Locali cercherà un accordo sui punti sollevati dai Comuni e dalle famiglie.

(M.Bat.)

 
 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 30.03.2015. Italia a rischio banlieue. A Nord più precarietà sociale che al Sud

    La Fondazione Moressa, per il Corriere della Sera, ha stilato il rapporto La precarietà sociale nelle città italiane, un viaggio nella mancata integrazione tra cittadini italiani e stranieri. Al Sud i casi virtuosi

  2. 26.03.2015. Pill testing importante, ma la prevenzione resta l'arma primaria

    Pubblicato il nuovo rapporto Cnr-Espad, che pone l'accento sull'utilizzo di sostanze a loro sconosciute. Leopoldo Grosso: "Necessario pill testing,e potenziare la prevenzione"

  3. 25.03.2015. Libera porta a Bologna 200 mila persone per dire no alle mafie. E festeggia 20 anni

    Il 21 marzo, la grande manifestazione nazionale di Bologna per dire no a tutte le mafie e per marciare accanto ai familiari di quanti sono caduti sotto i colpi della criminalità organizzata

  4. 25.03.2015. Venti Liberi

    Il 21 marzo, la grande manifestazione nazionale di Bologna per dire no a tutte le mafie e per marciare accanto ai familiari di quanti sono caduti sotto i colpi della criminalità organizzata. Ora, l'associazione fondata da don Luigi Ciotti compie due decenni. E festeggia in tutta Italia

  5. 24.03.2015.Celle fuori dagli standard europei: detenuto risarcito

    Un precedente importante per la Toscana, dove finora c'erano stati solo rigetti. Molte le interpretazioni restrittive della sentenza Torreggiani

  6. 21.03.2015. "Cultura e politica antidoti contro la paura"

    La paura è uno strumento politico potentissimo. Livio Pepino ne ha analizzato le ripercussioni in Prove di paura, il suo ultimo libro in uscita per il prossimo 25 marzo per le Edizioni Gruppo Abele. Lo abbiamo intervistato

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS