1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. mappa
  2. Contatti
  3. Stampa
Vai alla pagina iniziale
Testata per la stampa
 

Contenuto della pagina


Primo piano

manifestazione

Servizi socio-assistenziali in piazza per la dignità del lavoro sociale e di chi è più fragile

Lo hanno scritto su bandiere tricolori e magliette: "È compito della Repubblica (e quindi anche della Regione) rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana ...". Così, con un richiamo all'articolo 3 della Costituzione italiana, sono scesi in piazza il 13 settembre gli operatori sociali piemontesi che lavorano nei consorzi socio-assistenziali, emanazione dei Comuni. E con loro tante famiglie, associazioni del terzo settore e centinaia di sindaci di Comuni grandi e piccoli del Piemonte, per chiedere dignità per il lavoro sociale e per quei cittadini che hanno bisogno di sostegno, economico e non solo. Il taglio di 12 milioni di euro al fondo per le politiche sociali della regione, previsto dal Governo per l'anno in corso, sta ricadendo a pioggia sugli enti pubblici più vicini ai cittadini e in particolare sulle persone che fanno più fatica: famiglie con persone disabili o con redditi sotto la soglia della povertà, anziani, nuclei famigliari numerosi. E questo proprio quando la crisi si fa più sentire sull'economia reale, comportando un aumento delle richieste di aiuto, come ha sottolineato l'assessore alle politiche di cittadinanza attiva della Provincia di Torino Mariagiuseppina Puglisi, presente alla manifestazione.
La protesta di ieri pomeriggio sotto il palazzo della Regione Piemonte, a cui ha partecipato anche il Gruppo Abele, è stata organizzata dalle Lega delle Autonomie presieduta da Umberto d'Ottavio, che ha commentato: "Sappiamo che i tagli regionali sono responsabilità del Governo, ma chiediamo al presidente Cota di far sentire con forza la propria voce, così come hanno fatto altri presidenti di Regione. Chiediamo inoltre che venga prorogato lo scioglimento dei consorzi socio assistenziali previsto dalla Manovra perchè non vengano ulteriormente indebolite le politiche di sostegno a favore dei cittadini più fragili". Una delegazione di manifestanti è stata ricevuta nel tardo pomeriggio da Elena Maccanti, assessore agli Enti Locali della Regione Piemonte, la quale ha ricordato l'impegno della Regione nell'integrare in parte i fondi statali tagliati. Oggi, 14 settembre, una conferenza Regioni-Autonomie Locali cercherà un accordo sui punti sollevati dai Comuni e dalle famiglie.

(M.Bat.)

 
 
 
 
 
 
 
 

Menu di sezione

Primo Piano

  1. 24.08.2015. Piccoli schiavi invisibili

    L'annuale dossier di Save the Children fa il punto sullo sfruttamento dei minori e sottolinea il drastico aumento di manovalanza under 18 adescata nei luoghi degli sbarchi sul Mediterraneo

  2. 10.08.2015. No-profit una marcia in più all'economia italiana

    Più del 4 percento del Pil italiano è creato dalle associazioni e dalle imprese con obiettivi sociali. A partire dai dati del Rapporto Italia abbiamo intervistato il direttore di Aiccon, Paolo Venturi

  3. 04.08.2015. Raccontare per educare

    La narrazione come pratica educativa e auto-educativa; le parole come veicolo per la conoscenza di sé e dell'altro. Questo il senso della terza edizione della scuola di narrazione educativa Raccontare, svoltasi alla Certosa 1515 di Avigliana

  4. 04.08.2015. Dati Svimez, il commento della campagna Miseria Ladra

    Un Paese sempre più diseguale e spaccato in due, dove il Sud viene condannato al sottosviluppo permanente. Al Sud un italiano su tre è in povertà, al nord uno su dieci. A questo dato si accompagna il taglio del 58% del Fondo Sociale 

  5. 27.07.2015. Volvera: Estate Liberi a Cascina Arzilla

    Un esempio positivo dove, grazie alla collaborazione tra diverse realtà, un bene abbandonato confiscato alle mafie riesce a diventare uno spazio per incontrarsi e lavorare insieme. Quest'anno ha ospitato il primo campo di Estate Liberi

  6. 16.07.2015. "Sdegno e vergogna per le accuse rivolte a Lucia Borsellino"

    Don Ciotti sull'intercettazione tra Rosario Crocetta, governatore della Sicilia e il suo medico personale e primario dell'ospedale Villa Sofia, Matteo Tutino. "Lucia un esempio di competenza e passione civile"

SOS: hai bisogno d'aiuto?.
 
  1. Camminare fa bene alla salute

    di Maddalena Antognoli

 
 
Banner Libera .
 
 
Banner Certosa di San Francesco .
 
Condividi
Abbonati
  1. RSS