About Us

Giovanardi relatore per la conversione in legge del decreto Lorenzin

08 May Giovanardi relatore per la conversione in legge del decreto Lorenzin

Immagine 7Le associazioni commentano la decisione di affidare a Carlo Giovanardi la conversione in legge del decreto Lorenzin sulle droghe  

Droga: ‘Rete riduzione danno’, Giovanardi è danno e beffa 

ROMA, 7 MAG – “Dopo un incalcolabile danno prodotto a cittadini , servizi, consumatori e diritti civili dovuto a otto anni di legge Fini Giovanardi, ora anche la beffa di vedere lo stesso Giovanardi, sonoramente bocciato dalla Corte Costituzionale, diventare relatore del provvedimento che dovrebbe garantire di tornate almeno al rispetto del precedente testo di legge”. Lo sostiene La ‘Rete italiana riduzione del danno’ (Itardd) secondo la quale il governo deve recedere “da questo insostenibile e, se non fosse drammatico, grottesco gesto, e rispettare finalmente se non il buon senso e l’evidenza dei fatti almeno la Corte Costituzionale”. “Da troppo tempo – prosegue Itardd – come operatori, come cittadini e come consumatori aspettiamo che la politica torni a trattare il tema delle droghe e delle dipendenze con la conoscenza, la serietà e la responsabilità che merita un fenomeno che coinvolge milioni di persone, destinate a subire rischi e danni a causa di politiche sbagliate, miopi e repressive, ben più che a causa delle sostanze stesse”. “E’ indecente – conclude l’associazione – che chi è stato causa di questi guasti sia oggi designato a porvi rimedio. La politica non si renda ridicola e complice e soprattutto la smetta di fare dei problemi che dovrebbe governare un mercato indecente di scambio politico”.

Droga: Cnca, spudorata nomina Giovanardi relatore legge
ROMA, 7 MAG – “Una nomina spudorata che desta una fortissima preoccupazione. Se le istituzioni vorranno insistere con una politica ideologica e repressiva troveranno la nostra più ferma opposizione”. Così il Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza (CNCA) giudica la nomina di Carlo Giovanardi a relatore in Senato sul provvedimento di conversione in legge del decreto Lorenzin sulle droghe. “Siamo stupefatti”, dichiara don Armando Zappolini, presidente del CNCA. “Al principale responsabile del fallimento italiano nel campo delle droghe, l’autore di una legge che è stata dichiarata incostituzionale dalla Consulta e che ha solo riempito le carceri, l’ispiratore tramite il Dipartimento politiche antidroga del blocco del sistema dei servizi per le tossicodipendenze – aggiunge Zappolini – viene ora affidato un ruolo cruciale nella revisione della legge che porta il suo nome”.



Facebook

Twitter

YouTube