About Us

Il 21 marzo a Locri, a Verbania e in 4000 luoghi d’Italia

20 Feb Il 21 marzo a Locri, a Verbania e in 4000 luoghi d’Italia

caselli verbania“Non poteva esserci luogo più indicato che la Locride per questa giornata. Questa è una terra che ha sofferto e soffre. Questa terra è ancora bagnata di sangue e la Chiesa non può che stare vicino a chi soffre, ai familiari delle vittime innocenti. La Locride piange ancora i suoi figli”. Così aveva aperto la conferenza stampa Monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, nel Centro Pastorale presso la Chiesa Cattedrale di Locri, quando è stata presentata la XXII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico in collaborazione con la Rai, che si è svolta martedì 21 marzo 2017 a Locri.

Luoghi di speranza, testimoni di bellezza è il tema che ha accompagnato la giornata, la cui piazza principale è stata Locri, ma che si è svolta, simultaneamente,in oltre 4000 luoghi diffusi in ogni parte d’Italia e in alcuni luoghi dell’Europa e dell’ America Latina, dove la Giornata è stata scandita dalla lettura dei nomi delle vittime con momenti di riflessione e approfondimento. Il luogo scelto quest’anno per il 21 marzo del Piemonte è stato Verbania per marciare, ricordare le oltre 900 vittime innocenti delle mafie e accendere un campanello d’allarme su tutti quei territori che, come il Verbano-Cusio-Ossola, hanno bisogno di costruire un tessuto sociale più forte, consapevole e impermeabile alla penetrazione mafiosa. Hanno partecipato solo all’appuntamento localizzato in Piemonte 8mila persone, giunte da tutta la Regione. Tra loro, il Procuratore Giancarlo Caselli. Per contrastare le mafie e la corruzione occorre sì il grande impegno delle forze di polizia e di molti magistrati, ma prima ancora occorre diventare una comunità solidale e corresponsabile, che faccia del noi non solo una parola, ma un crocevia di bisogni, desideri e speranze. Volti di un Paese magari imperfetto, ma pulito e operoso, che non si limita a constatare ciò che non va, ma si mette in gioco per farlo andare.

In venticinquemila a Locri e mezzo milione in tutta Italia

 Libera Piemonte: i momenti più belli della marcia a Verbania

 



TEMI/NOTIZIE

Aids/Hiv
Alcol
Ambiente
Azzardo
Caporalato
Carcere
Cocaina
Cooperazione internazionale
Corruzione
Cultura
Droghe leggere
Editoria
Eroina
Famiglie
Formazione
Giovani
Immigrazione
Lavoro
Lgbt
Luigi Ciotti
Mafie
Minori
Narcotraffico
Nuove dipendenze
Povertà ed esclusione
Prostituzione
Tortura
Torino
Tratta degli esseri umani
Volontariato
Welfare

Facebook

Twitter

YouTube