About Us

Immigrazione: don Ciotti, “tutti i bimbi devono avere i genitori al proprio fianco”

11 Mar Immigrazione: don Ciotti, “tutti i bimbi devono avere i genitori al proprio fianco”

11.03.2010 | Ansa

“Ogni bambino ha il diritto di avere a fianco i propri genitori nel suo percorso di crescita, che sia italiano o figlio di migranti”. Così don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele, commenta la sentenza con cui la Cassazione ha respinto il ricorso di un immigrato clandestino che chiedeva di poter rimanere in Italia in nome del sano sviluppo psicofisico dei propri figli.
Questo diritto, sottolinea don Ciotti, “non può riguardare solo alcuni aspetti, ma il benessere del minore in tutto il suo processo evolutivo, non solo fisico ma anche emotivo e psicologico”, e dunque vale anche per la frequenza della scuola.
“Si parla sempre di tutela della famiglia, di salvaguardia dei minori e della necessità di farli crescere serenamente, ma
il rischio è che di fronte a una situazione di irregolarità o clandestinità questo principio fondamentale passi in secondo piano”. Dunque il rischio di un doppio binario, uno per gli italiani e uno per gli immigrati. “Da questo punto di vista – conclude don Ciotti – mi auguro che, come del resto è accaduto già in passato, il diritto dei minori a una crescita sana ed equilibrata, e non solo da un punto di vista fisico, rimanga centrale: avere al proprio fianco i genitori è un bisogno profondo e ed è un diritto che deve valere per tutti”.

 



Facebook

Twitter

YouTube