About Us

Legalità: Genova e Lampedusa insieme contro i traffici umani

19 Mar Legalità: Genova e Lampedusa insieme contro i traffici umani

19.03.2012 | Ansa

Palermo – Genova e Lampedusa saranno simbolicamente unite il 21 marzo, in occasione della XVII giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo di tutte le vittime delle mafie, per ribadire il proprio “no ai traffici della criminalità internazionale che lucra sui diritti umani”.
L’iniziativa è dell’associazione Libera che ha organizzato diverse manifestazioni che prenderanno il via il 21 marzo alle 16, all’istituto Pirandello di Lampedusa, con un dibattito e la proiezione di documentari sulla legalità al quale parteciperanno istituti scolastici, associazioni e cittadini. Il giorno dopo, a partire dalle 9, un corteo cittadino guidato da don Luigi Ciotti si riunirà a Piazza Garibaldi e marcerà lungo le vie del paese fino alla spiaggia meta di sbarchi dei migranti, per l’occasione ribattezzata ‘Porta d’Europà. Qui verranno letti i circa 1000 nomi delle vittime di tutte le mafie “ai quali aggiungeremo simbolicamente i nomi di tutti i migranti in fuga da guerre e carestie – dice Umberto Di Maggio, coordinatore di Libera Sicilia – e che giacciono, senza avere ancora giustizia, sul fondo del Mediterraneo”. Seppur distanti chilometri, Genova e Lampedusa sono due porti che rappresentano simbolicamente le due porte d’ingresso nel nostro Paese, con in mezzo il mar Mediterraneo che è l’avanguardia dei nuovi traffici delle mafie e dove si stimano solo nel 2011 circa 1500 migranti morti. La ripresa degli sbarchi ci obbliga a una riflessione ancora più approfondita sul tema dei diritti e dell’impegno civile contro le mafie internazionali”. Alla manifestazione saranno presenti, oltre don Luigi Ciotti, Paolo Beni, presidente nazionale di Arci, Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, e il magistrato della procura di Palermo Vittorio Teresi.



Facebook

Twitter

YouTube