About Us

Mafia: don Ciotti, gli affari li fa al Nord

16 Oct Mafia: don Ciotti, gli affari li fa al Nord

16.10.2014 | Ansa


Trieste – “La mafia oggi è sempre più forte. Ed è più forte quando la politica è debole e la democrazia è pallida”. Lo ha ricordato a Trieste don Luigi Ciotti, nel corso di un incontro organizzato dal Comune e dall’Università. Se la mafia “ha le radici storiche al Sud, gli affari li ha sempre fatti al Nord. E oggi non c’è località in Italia in cui non ci siano corruzione e mafia: due facce della stessa medaglia. Dove ci sono imprese e appalti ci sono organizzazioni criminali che, con i guanti bianchi, cercano di fare affari: investono nella filiera agroalimentare, sulle fonti rinnovabili, traffico di droga, prostituzione, gioco d’azzardo – ha detto don Ciotti – Riescono a essere forti dove trovano alleanze in segmenti della politica che le favoriscono, negli imprenditori che pur di fare affari chiudono un occhio.Dobbiamo essere lucidi nel riconoscere quello che non va e migliorare quello che va”. D’altronde, “in Italia non riusciamo ad avere una legge completa sulla corruzione pubblica. Non c’è una strage di cui si conosca la verità. La confisca dei beni mafiosi per 2 anni è stata bloccata dalla burocrazia: se venissero approvate le proposte migliorative arriverebbero in Italia oltre 55mila beni”.



Facebook

Twitter

YouTube