About Us

Mafia: don Ciotti, per lotta servono meno parole e più fatti

20 May Mafia: don Ciotti, per lotta servono meno parole e più fatti

20.05.2014 | Ansa

Roma – Per contrastare la criminalità organizzata ”servono meno parole e più fatti”. Così don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a pochi giorni dall’anniversario dalla morte di Giovanni Falcone. ”Per evitare che la memoria diventi retorica, la legge deve essere migliorata”. ”Qualcosa non funziona – ha osservato don Ciotti a margine di un incontro a Roma – non è un problema solo di ordine culturale. Non riusciamo ad avere le leggi, come quella sulla corruzione e quella sui reati ambientali. Abbiamo anche una disparità di giustizia, con qualcuno che sconta 4 ore a settimana di pena alternativa”, quando tanti ragazzi sono in carcere. ”Ho stima per i magistrati, le forze di polizia e le istituzioni” impegnati nel contrasto alle mafie – ha concluso il presidente di Libera – ”ma le istituzioni devono fare la loro parte fino in fondo”. Secondo don Ciotti, ”ci deve essere uno scatto da parte di tutti: chiediamo allo Stato di fare la sua parte e a noi di non essere cittadini a intermittenza’.



Facebook

Twitter

YouTube