About Us

Mafia, “Prendiamoci bene, è cosa nostra!”: Libera festeggia 15 anni legge su riutilizzo sociale beni confiscati

05 Mar Mafia, “Prendiamoci bene, è cosa nostra!”: Libera festeggia 15 anni legge su riutilizzo sociale beni confiscati

05.03.2011 | Adnkronos

Roma – A 15 anni dall’entrata in vigore della legge 109/96 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie l’Associazione Libera di don Luigi Ciotti organizza, da lunedì una settimana di visite guidate e iniziative sui beni confiscati alle mafie con la partecipazione di studenti, scuole, cittadini, associazione, scout, parrocchie. L’iniziativa dal titolo ‘Prendiamoci bene: e’ Cosa Nostra! Giornata di apertura dei beni confiscati alle mafie’, si iscrive nell’ambito del concorso Regoliamoci 2010-11, promosso con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e in collaborazione con l’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. ‘La legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali, entrata in vigore dal 7 marzo 1996, segnava una svolta epocale nel contrasto alle mafie nel nostro Paese – si legge in una nota di Libera – Un successo per lo Stato, per la rete di Libera e per tutti i cittadini che avevano sostenuto con un milione di firme la petizione popolare a sostegno della proposta di legge. Da allora sono passati 15 anni nel corso dei quali centinaia di ettari di terreni, ville, appartamenti e altri beni immobili si sono trasformati in cooperative sociali, sedi di associazioni, comunita’ di accoglienza, centri culturali, grazie all’impegno di Istituzioni, Enti Locali e della societa’ responsabile. ‘Quindici anni dopo – commenta Don Luigi Ciotti, presidente di Libera – il bilancio è certo positivo, anche se rimangono delle criticità. Non sempre e’ stato facile dare applicazione alla legge, che sul piano operativo ha scontato una serie di debolezze, ostacoli burocratici e ritardi. Ma tanto e’ stato comunque fatto’.
‘Numerosi e concreti i percorsi di giustizia, i diritti costruiti grazie alla 109 – ricorda Don Ciotti – dagli edifici trasformati in scuole, caserme, centri per anziani, alle cooperative che sui terreni confiscati danno lavoro a tanti giovani e mobilitano tutte le forze sane dei territori. I prodotti a marchio ‘Libera Terra’, col loro gusto di legalita’ e responsabilita’, arrivano nelle case e sulle tavole di moltissimi italiani. E sono oggi forse il simbolo piu’ visibile di questa riscossa, di questa svolta, questo contrasto alle mafie collettivo, ‘dal basso’ – sottolinea – che si alimenta di un lavoro tenace e silenzioso in ogni parte d’Italia, e della collaborazione di tante realta': istituzioni, scuole, volontariato, mondo della cooperazione, dei sindacati, dell’imprenditoria’. ‘Nell’ultimo periodo, abbiamo avuto anche la soddisfazione di veder nascere l’Agenzia nazionale per i beni confiscati’, come auspicavamo da anni. Uno strumento che speriamo contribuisca a potenziare l’efficacia e il valore economico, culturale, sociale ma soprattutto etico di questi percorsi. Molto resta da fare. A partire dall’estensione dell’uso sociale ai reati di corruzione. Ma questa – conclude Don Luigi Ciotti – e’ storia di oggi: storia della campagna ‘Corrotti’, circa ottocentomila cartoline raccolte che consegneremo al Presidente Napolitano, una storia che ha ancora bisogno di noi, del ‘noi’, dell’impegno di tutti, nessuno escluso’.

Roma – Tanti gli appuntamenti dell’iniziativa di Libera per celebrare il quindicesimo anniversario. In Calabria ad Isola di Capo Rizzuto con visita alla palazzina confiscata in zona Le Cannella dove sara’ realizzato un centro che ospitera’ colonie estive. In Campania a San Cipriano d’Aversa: nella villa confiscata a Pasquale Spierto dei Casalesi, affidata a Cooperativa Agropoli Onlus, che oggi ospita un centro sociale per ragazzi e una comunita’ alloggio per pazienti psichiatrici. Nel Lazio a Roma presso la Casa del Jazz, una villa con il suo parco confiscati alla Banda della Magliana trasformati in auditorium e mediateca, sale di registrazione e foresteria per musicisti. In Lombardia a Milano, presso Spazio Cangiari, gestito dal consorzio Goel, una boutique del ‘Lusso Etico Sociale ed Ecologico’, allestita in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta in viale Monte Santo. In Liguria a Genova sara’ aperto alla cittadinanza e alle associazioni locali un basso confiscato in Vico Mele. In Piemonte a Torino ilPerformingMediaLab, gestito dall’associazione Teatron e Acmos, in un bene confiscato in via Salgari. In Puglia a Torchiarolo appuntamento nella villa confiscata a Tonino Screti, il ‘cassiere’ della Sacra Corona Unita, oggi gestita dalla Cooperativa Terre di Puglia-Libera Terra, che vi realizza iniziative didattiche e formative. In Sicilia a Trapani, i ragazzi delle scuole visiteranno la Cooperativa Calcestruzzi Ericina a Trapani, confiscata a Vincenzo Virga.



Facebook

Twitter

YouTube