About Us

Nel 2009 a picco le richieste di rifugio e asilo

17 Dec Nel 2009 a picco le richieste di rifugio e asilo

L’Italia serra l’uscio dell’accoglienza. Il drastico calo nel nostro Paese delle nuove domande di rifugio e asilo, passate a meno di 18 mila nel 2009 contro le circa 30 mila dell’anno precedente, è uno dei dati più significativi del rapporto annuale presentato oggi dallo Sprar, Servizio centrale del Sistema di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati. Una riduzione su cui si può facilmente ipotizzare abbiano influito i respingimenti degli arrivi via mare (-90% di arrivi rispetto all’anno precedente). Alla fine del 2009 erano in tutto 55mila i rifugiati in Italia, un numero non molto elevato se si confrontano i dati delle altre nazioni europee: la Germania accoglie infatti quasi 600mila rifugiati, la Francia 200mila.
Sono stati 7.845 i richiedenti e titolari di protezione accolti nel 2009 nel nostro Paese, contro gli 8.412 del 2008. Somalia, Eritrea, Afghanistan e Nigeria le nazioni maggiormente rappresentate tra coloro che hanno beneficiato dell’accoglienza, con un’evidente prevalenza di persone provenienti dal Corno d’Africa. A beneficiare della protezione sono stati soprattutto uomini, giovani (18-25 anni nel 40% dei casi), mentre le donne rappresentano il 25% del totale delle richieste accolte. Tra le domande accolte, la percentuale più alta resta quella dei richiedenti asilo (32%) anche se è netta la diminuzione rispetto al 2008, quando questi rappresentavano il 43% delle persone accolte. Sul totale delle domande, il 52% dei richiedenti non ha avuto diritto alla protezione, il 22% ha ricevuto una protezione sussidiaria (la persona non possiede i requisiti per essere riconosciuta come rifugiato, ma si ritiene che il ritorno nel Paese di origine o dimora comporterebbe gravi rischi, ndr), il 9% ha ottenuto lo status di rifugiato e un altro 9% una proposta protezione umanitaria.
Sono 320 i minori stranieri non accompagnati accolti, un numero in crescita, se si considera che nel 2006 erano solo 31, eppure soggetto ad un calo rispetto al 2008, quando sono stati accolti nello Sprar 409 minori.



Facebook

Twitter

YouTube