About Us

Resistenza: Anpi, in 2 mila a Cansiglio con don Ciotti

14 Sep Resistenza: Anpi, in 2 mila a Cansiglio con don Ciotti

14.09.2014 | Ansa

Pian del Cansiglio (Belluno) – Oltre duemila persone, per lo più aderenti alle associazioni dei partigiani (Anpi) delle province di Belluno, Treviso e Pordenone, hanno partecipato oggi, a Pian del Cansiglio, alla annuale commemorazione per gli eventi dell’estate del 1944 quando, nella lotta contro i nazifascisti, persero la vita 480 combattenti delle locali formazioni partigiane. A celebrare una messa ed a tenere l’orazione civile – in un luogo dove una dolina veniva usata dai nazifascisti per infoibare civili e partigiani – è stato, in questa circostanza, don Luigi Ciotti, presidente di “Libera”, il quale si è soffermato in particolare sul legame fra la Resistenza di oggi e quella alla quale è chiamata oggi la popolazione civile per “contrastare la violenza ed i crimini che fanno crescere l’ingiustizia, la violenza, l’illegalità. La prima riforma da fare in Italia – ha proseguito – è l’autoriforma, la riforma delle nostre coscienze, perché non possiamo essere cittadini a intermittenza ma cittadini veri”. Per don Ciotti è principalmente “la cultura che può dare la sveglia alle coscienze. La gamba che manca alla democrazia è quella delle politiche sociali. Di camorra parliamo da 400 anni, di ‘ndrangheta e Cosa Nostra da oltre un secolo. Nonostante l’impegno di chi combatte per la legalità e ha perso la vita – ha detto ancora – oggi ci vuole un’altra Resistenza”. Ad accogliere il sacerdote, originario di Pieve di Cadore (Belluno) erano presenti decine di sindaci dalle tre province che condividono l’area del Cansiglio con i rispettivi gonfaloni.



Facebook

Twitter

YouTube