About Us

“Restiamo umani”. A Torino una serata per ricordare Vittorio Arrigoni

15 Apr “Restiamo umani”. A Torino una serata per ricordare Vittorio Arrigoni

arrigoniÈ stato ucciso la scorsa notte Vittorio Arrigoni, attivista dei diritti umani, giornalista che da due anni prestava la sua voce, con i suoi post per la rete Salvagente, ai civili della Striscia di Gaza, mostrando la quotidianità disumana a cui sono costrette le vittime di quella che definiva una “catastrofe innaturale”, perché “causata non da una forza ineluttabile della natura”, ma da “bombe messaggere di un odio inumano”.

“Vittorio era un amico – spiegano i ragazzi della rete Acmos, impegnati in questi giorni a Torino nella Biennale della Democrazia – con lui abbiamo condiviso il percorso del Free Gaza Movement, per raggiungere la Striscia di Gaza via mare, rompendo l’embargo con navi trasportanti aiuti umanitari.Vittorio si è sempre battuto per difendere la vita di civili indifesi. Durante le fasi del bombardamento non ha esitato a fare da scudo umano alle ambulanze per evitare che venissero raggiunte dal fuoco israeliano. E’ stato un esempio di informazione libera e indipendente”.

Giovedì 14 aprile in piazza Castello a Torino, Acmos e la rete Salvagente hanno ricordato Vittorio insieme a tutti coloro che hanno desiderato esserci. I 400 ragazzi che stavano partecipando al Campus di Biennale Democrazia si sono uniti in  piazza nel ricordo. Un momento di raccoglimento in cui sono stati letti i suoi articoli, stringendosi intorno ai suoi cari e a tutti coloro che, come lui ha fatto, si battono per la pace, la verità, la giustizia e i diritti umani.

 



Facebook

Twitter

YouTube