About Us

Roma, sgomberato il campo abusivo di via Appia Nuova

07 Feb Roma, sgomberato il campo abusivo di via Appia Nuova

È stato sgomberato questa mattina a Roma il campo nomadi di via Appia Nuova, nel quale, nella notte, sono morti 4 bambini di origine Rom, a causa di un incendio. Avevano tra i 4 e gli 11 anni e vivevano con le famiglie in una baracca abusiva, alla periferia della Capitale.
Il campo, che sorge su un’area di proprietà di una società di trasporti, era stato ripopolato un anno fa, ma già nel 2005 era stato sgomberato una prima volta.
La ventina di rom, che aveva ricostruito le baracche nella boscaglia e che questa notte ha assistito impotente al rogo, si era stabilita su quei terreni in seguito alla bonifica di un altro campo abusivo, nella zona della Caffarella.
Come succede a seguito di ogni sgombero, i rom avevano trovato un altro posto dove vivere fino a questa notte, quando le fiamme hanno avvolto Raul, Fernando, Patrizia e Sebastian.
L’incendio è scoppiato probabilmente a causa di un tizzone fuoriuscito da un braciere posizionato dentro la casupola di plastica e legno in cui dormivano i bambini, bruciata in pochi minuti.
Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco prima dell’alba. E appena la polizia scientifica ha terminato i rilievi, il campo è stato smantellato e gli abitanti trasportati presso una struttura di accoglienza del Comune di Roma. Il sindaco Alemanno, che si è detto scosso per questa tragedia, ha annunciato che nei prossimi giorni si procederà allo sgombero di altri campi della stessa zona. Una catena che creerà nuove diaspore, in chissà quale altra parte della capitale. Fino al prossimo fatto di cronaca, che spingerà le istituzioni a spostare nuovamente il problema, da una periferia all’altra.

(toni castellano)



Facebook

Twitter

YouTube