About Us

Sanità: al via piano anticorruzione, accordo Fiaso-Illuminiamo la salute

10 Jun Sanità: al via piano anticorruzione, accordo Fiaso-Illuminiamo la salute

10.06.2015 | AdnKronos

Roma – Una Rete di integrità formata da tutti i responsabili anticorruzione di Asl e ospedali, programmi di formazione del personale per diffondere legalità e trasparenza, valutazioni indipendenti nelle aziende sanitarie, diffusione delle buone pratiche che valorizzano l’integrità, adozione capillare dei codici di comportamento aziendale. Sono i pilastri del Piano anticorruzione in sanità sottoscritto con un Protocollo di collaborazione da Fiaso, la Federazione di Asl e ospedali, e Illuminiamo la Salute, la rete nazionale per l’integrità promossa da Libera, Avviso Pubblico, Coripe Piemonte e Gruppo Abele. Il Piano è al centro del convegno della Fiaso ‘Etica, trasparenza e legalità nelle aziende sanitarie’, aperto oggi a Roma. “Vogliamo allontanare con ogni mezzo il mal sottile della corruzione che ogni anno in sanità fa dissipare 6 miliardi di risorse, minando la fiducia dei cittadini nel nostro sistema salute, che resta pur sempre, è bene ricordarlo, tra i più efficienti ed economici del mondo occidentale”, commenta il presidente Fiaso Francesco Ripa di Meana, alla sigla dell’accordo avvenuta in presenza di don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera. “Il contrasto all’illegalità nel settore sociale e sanitario deve costituire un impegno prioritario sia per i responsabili delle politiche pubbliche che per i professionisti della salute, tanto più in un momento di grave crisi economica”, aggiunge Ripa di Meana. “Obiettivo di Illuminiamo la Salute è stato sin da subito quello di sostenere, attraverso diverse iniziative di formazione e di sostegno al cambiamento, l’integrità del sistema sanitario e sociale italiano”, ricorda Vittorio Demicheli, direttore scientifico del progetto. “Le attività svolte – sottolinea – sono anche indirizzate al sostegno delle aziende sanitarie nell’applicazione della legge 190 del 2012 sulla prevenzione della corruzione e trasparenza, in modo che la norma non si riduca a un esercizio meramente burocratico, slegato dai contesti organizzativi”.
Il Protocollo sottoscritto da Fiaso e Illuminiamo la Salute punta proprio a dare concretezza alla legge 190. In primo luogo Fiaso si impegna a costituire una Rete di integrità formata dai responsabili anticorruzione, già nominati in larga parte delle aziende sanitarie, che saranno supportati da psicologi del lavoro “che contribuiscano a formare il personale sulle strategie di cambiamento”. Sempre la Federazione di Asl e ospedali si adopererà per dare massima diffusione alle buone pratiche per l’integrità aziendale. Nel biennio dell’accordo, entrambe le parti si impegnano inoltre a predisporre iniziative a favore di: attività di audit nelle aziende sanitarie; misure efficaci per l’integrità del percorso di acquisto di beni e servizi; attività legate alla diffusione di un codice di comportamento aziendale sulla base di quanto già realizzato da Illuminiamo la Salute; studio e diffusione di modalità innovative di formazione sui temi dell’integrità. Ma c’è anche la necessità dell’impegno dei singoli. “Senza la responsabilità individuale e la giustizia sociale – avverte don Ciotti – la legalità si svuota di ogni contenuto etico e umano e diventa un concetto astratto, una pura facciata dietro la quale si possono nascondere ambiguità, pericoli e sopraffazioni”. “Spesso le parole che appaiono più innovative sono qualità o efficienza. Vorrei invece che si parlasse di integrità – afferma la senatrice e presidente del Coripe Piemonte, Nerina Dirindin – Integrità indica pienezza, interezza, un oggetto che non ha subito danni o lesioni. Noi sappiamo che il Ssn ha subito delle lesioni, ma vogliamo potenziarlo e preservarlo da contaminazioni”.



Facebook

Twitter

YouTube