About Us

Servizio Civile da volontario a universale: cosa cambia

14 Apr Servizio Civile da volontario a universale: cosa cambia

Dal 18 aprile è in vigore il decreto attuativo della riforma del Terzo Settore che riguarda il Servizio Civile e ha l’obiettivo di offrire un modello più flessibile e adattabile alle esigenze di vita e di lavoro dei giovani, rafforzando il senso di appartenenza all’Unione Europea.
Cosa cambia? Le variazioni più evidenti riguardano la possibilità di ridurre il servizio da 1 anno a 8 mesi, le ore settimanali minime da 30 a 25 e l’opportunità di svolgere alcuni mesi all’estero. Inoltre, dopo che nel 2015 una sentenza della Corte Costituzionale aveva stabilito l’eliminazione del requisito di cittadinanza italiana per l’accesso ai bandi, il nuovo testo di legge sancisce che gli stranieri regolarmente soggiornanti possono parteciparvi.

Da sempre l’Obiezione di Coscienza e, dal 2001, il Servizio Civile sono stati parte integrante della storia del Gruppo Abele: negli ultimi 15 anni hanno prestato servizio nelle nostre realtà più di 200 ragazzi, portando alla nostra associazione entusiasmo ed energia. “L’impegno civile significa moltiplicare il nostro benessere occupandoci di quello degli altri” dice Luigi Ciotti. Ci auguriamo che il Servizio Civile Universale, nella sua nuova formula, possa continuare ad essere una possibilità per i giovani di conoscere il mondo del sociale da vicino, mettendosi in gioco in prima persona e facendosi promotori di cambiamenti positivi attraverso la conoscenza e la responsabilizzazione.

(giulia rollandin)



Facebook

Twitter

YouTube