About Us

Strage di Capaci: per il ventennale Capo dello Stato e Monti a Palermo

16 May Strage di Capaci: per il ventennale Capo dello Stato e Monti a Palermo

16.05.2012 | Ansa

Palermo – Ci saranno anche il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e il Premier, Mario Monti, quest’anno a Palermo per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i due magistrati uccisi dalla mafia nel ’92. Parleranno nell’Aula Bunker dell’Ucciardone che tradizionalmente ospita il momento istituzionale delle manifestazioni che ogni anno vengono organizzate nel capoluogo siciliano, il 23 maggio, giorno della strage di Capaci e data simbolo dell’impegno contro la criminalità organizzata e la cultura mafiosa. Ad ascoltarli ci saranno, tra gli altri, tantissimi ragazzi. Quasi 3.000 sono quelli che arriveranno a Palermo con le due Navi della legalità che partiranno da Civitavecchia e da Napoli. A bordo assieme a loro il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, il procuratore nazionale Antimafia, Piero Grasso, e il presidente di Libera don Luigi Ciotti. Una nave salperà pure sul web con il debutto di un portale ad hoc dove gli studenti potranno inserire video e immagini. Per il Ventennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio l’Anci ha voluto dare il suo contributo invitando i Comuni a organizzare con le scuole del proprio territorio una giornata celebrativa per ricordare le figure dei due giudici. E tre città, il 23 maggio, saranno unite con un filo rosso alla Sicilia. Torino dedicherà al ricordo di Falcone e Borsellino Biennale Democrazia per la legalità, Pescara sarà in collegamento con l’Ucciardone e a Roma, dove la Notte dei Musei del 19 maggio sarà dedicata ai due magistrati, il 23 si spegnerà il Colosseo e vi sarà proiettata la scritta ‘L’Italia vince la mafià”. Le iniziative le hanno annunciate i tre sindaci Piero Fassino, Gianni Alemanno e Albore Mascia che, oggi assieme al ministro Profumo, al procuratore Grasso e a Maria Falcone, hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione dell’evento dedicato al XX anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio (“Vent’anni dopo, etica e valore della memoria”). Ma il carnet è assai più ricco. Su Rai scuola sarà trasmessa la diretta dall’Ucciardone (anche in streaming su www.raiscuola.rai.it), nell’Aula Bunker verrà proiettato, in versione ridotta, un Film di Pasquale Scimeca (“Convitto Falcone- la mia partita) e una Partita del Cuore si giocherà allo Stadio comunale “Renzo Barbera” di Palermo tra la nazionale cantanti e la nazionale magistrati (con i proventi sarà realizzata, tra l’altro, un’aula didattica multimediale per i piccoli pazienti dell’ospedale Cervello di Palermo). Una partecipazione corale per ribadire il rifiuto totale di ogni cultura mafiosa ricordando i valori di cui Falcone e Borsellino sono stati portatori e interpreti. Valori che non possono essere sbandierati un solo giorno all’anno. “Tutti i 365 giorni devono essere giorni della legalità ” ha sottolineato il ministro Profumo. Con la consapevolezza – come ha osservato Maria Falcone – che contro la mafia è già stato fatto tanto “ma con Falcone e Borsellino non è stato ancora chiuso il debito di riconoscenza alla loro memoria”.

Palermo – Sulla nave da Civitavecchia vi saranno il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo e il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, mentre sulla nave da Napoli i due sottosegretari all’Istruzione Marco Rossi Doria ed Elena Ugolini insieme con il presidente di Libera don Luigi Ciotti. Saranno circa 20 mila gli studenti che parteciperanno alla manifestazione. E per la prima volta, oltre alle gigantografie di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, sulle navi vi saranno anche quelle dei tre agenti di scorta uccisi nell’agguato: Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani. Dopo la cerimonia di benvenuto al porto di Palermo, gli studenti si divideranno: mille andranno verso l’aula bunker del carcere Ucciardone, dove alle 10 inizierà il momento più istituzionale, mentre gli altri raggiungeranno alcune piazze simboliche della città, come piazza Magione e il parco intitolato a Ninni Cassarà, il poliziotto del pool antimafia ucciso nel 1985. Tra le 9 e le 10, mentre gli studenti raggiungeranno l’aula bunker, al giardino della memoria di Ciaculli, in quello che era un terreno del boss Michele Greco, ora confiscato, si inaugurerà un memorial dedicato a tutte le vittime della lotta alla mafia. Nel cortile antistante l’aula bunker ci sarà il villaggio della legalità, allestito con laboratori realizzati per gli studenti delle scuole primarie. In totale, sono 160 le scuole di Palermo e provincia che hanno lavorato per mesi all’organizzazione della giornata, 250 le scuole selezionate con un concorso nazionale del Miur e della fondazione Falcone intitolato ‘Capaci venti anni dopo. Etica, ruolo e valore della memoria’ e 2600 gli studenti e i docenti che saranno sulle due navi battezzate ‘Giovanni’ e ‘Paolo’. Nel pomeriggio partiranno i due cortei, uno dall’aula Bunker e l’altro da via D’Amelio, che si riuniranno ai piedi dell’albero Falcone in via Notarbartolo. Qui, alle 17.58, ora della strage, si celebrerà il momento solenne del silenzio. In serata, allo stadio comunale Renzo Barbera, alle 21, la nazionale cantanti e la nazionale magistrati disputeranno la partita del cuore che verrà trasmessa in diretta su Rai1. Tra le novità della fondazione anche il portale web ‘la nave della legalità’ , pensato per far dialogare le consulte provinciali degli studenti e per offrire strumenti didattici ai docenti, mentre in una sezione riservata vi saranno anche notizie aggiornate della stampa.



Facebook

Twitter

YouTube