About Us

Choco+, il cioccolato “giusto” della Costa d’Avorio

22 Nov Choco+, il cioccolato “giusto” della Costa d’Avorio

Sono finalmente arrivate in Italia, distribuite da Domori, le tavolette del progetto Atelier Choco+, il primo laboratorio di trasformazione del cacao al 100% ivoriano e 100% equo e solidale. E anche tracciabile al 100%, grazie a un QR code.
Nato nel 2018 presso la Communauté Abel, progetto di cooperazione internazionale del Gruppo Abele in Costa d’Avorio, Choco+ persegue diversi obiettivi: valorizzare la principale materia prima locale, riconoscendo ai piccoli produttori un prezzo equo in cambio del rispetto dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente; formare e creare opportunità di lavoro per giovani svantaggiati; generare utili per sostenere le attività sociali della Communauté.
“Choco+ non è un progetto a fin di bene. È un progetto fatto per bene, unendo l’esperienza e le competenze di tanti – spiega Luigi Ciotti, presidente del Gruppo Abele – È un progetto di valore, perché genera valore: economico e formativo, nell’oggi e per il domani. Ed è un progetto di qualità, perché mette in campo molte qualità. La qualità del cacao ivoriano. La qualità delle relazioni fra i partner coinvolti. La qualità della comunicazione, che consente al consumatore di viaggiare idealmente fino alla Costa D’Avorio e ritorno, sulle tracce della tavoletta. Nel gusto di questo cioccolato si sente anche il giusto che l’ha generato”. Un progetto di sviluppo sostenibile per cui Ciotti riceverà, il 26 novembre, il premio Economia del Futuro promosso dal Polo del Gusto.
Le prime tavolette di cioccolato fondente al 70%, realizzate con cacao ivoriano coltivato dall’impresa agricola sociale ivoriana AgriMagni, sono ora disponibili su Domori.com, presso il Domori Store di None, sul sito del Gruppo Abele e a Binaria, il Centro commensale torinese del Gruppo.
Le tavolette fanno anche parte del progetto Fair&Trusty Trade – nato in collaborazione con APIO e co-finanziato da AICS, società che sviluppa soluzioni innovative – che tutela tutti gli attori della filiera del cacao mediante la tecnologia Blockchain. Grazie al progetto i consumatori possono scoprire in maniera trasparente i passaggi di tracciabilità e le realtà che hanno contributo alla realizzazione del prodotto attraverso il QR Code presente sul packaging.
“Siamo orgogliosi di collaborare con il Gruppo Abele nel progetto Choco+, con il quale condividiamo valori fondamentali e da sempre parte della nostra storia, come il controllo di filiera e l’obiettivo di una qualità rigorosa – commenta Andrea Macchione, amministratore delegato Domori – Siamo certi che ci sarà attenzione e curiosità da parte dei consumatori, sempre più attenti ed esigenti riguardo la qualità dei prodotti e la garanzia di un processo di produzione trasparente ed equo”.

 

Acquista la tua tavoletta


Facebook