Data: 21/12/2020
 About Us

Festa della Luce e del Bianco

15 Dic Festa della Luce e del Bianco

Data: 21/12/2020

Torino – Fabbrica delle “e” corso Trapani 91/b e Binaria, via Sestriere 34 – pagina Facebook @GruppoAbele

Per il terzo anno consecutivo, Binaria, il Centro commensale del Gruppo Abele in via Sestriere 34 e la Fabbrica delle “e” di corso Trapani 91/b a Torino, saranno la sede della Festa della Luce e del Bianco, che nasce dall’esperienza del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli e in particolare dal progetto Tappeto Volante che da oltre vent’anni connota la scuola dell’Infanzia Bay di Torino e il quartiere San Salvario. L’evento, in programma il 21 dicembre, èfrutto della collaborazione con il Progetto Genitori&Figli del Gruppo Abele.

La scelta di declinare il tema della Luce attraverso forme creative, in prossimità delle festività natalizie che, da sempre, coincidono con il tempo stagionale in cui si celebra il ritorno della luce, risponde al desiderio di comprendere il potente messaggio che il crescente chiarore del giorno porta con sé, mentre allude alla rinascita dell’uomo.
Luce intesa come conoscenza, come fare luce, pensiero luminoso, come uscire dall’oscurità. Festa che nasce dal desiderio di essere autenticamente accoglienti, nel rispetto delle diversità, in sintonia con il solstizio d’inverno, il momento in cui la luce torna a illuminare il mondo.
Nell’oscurità dei tempi che stiamo vivendo, la Festa assume un particolare significato, correlato all’installazione Così mi parve da luce rifratta realizzata dalle Artenaute del Dipartimento Educazione a Binaria nell’ambito del progetto Luci d’Artista della Città di Torino.
Mai come in questo momento abbiamo tutti bisogno di fare luce, attraverso l’arte e la cultura.
L’installazione si ispira ai versi di Dante (Purgatorio XV) che consentono di ampliare il senso metaforico e poetico del tema della luce, per giungere a riflessioni condivise sul futuro del mondo e dell’umanità che oggi appaiono come priorità assolute, non più rinviabili.

L’installazione interagisce con la luce naturale e con le condizioni ambientali circostanti, evocando il tema del Natale con i suoi riverberi luminosi. Un fantasmagorico oggetto, realizzato in materiali di recupero quindi ecosostenibili, rappresentativo della complessità del tempo presente, ma anche della capacità di considerare l’arte e la creatività come strumenti utili alla promozione del ben-essere per tutti.

  • L’evento sarà coordinato dalle Artenaute del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli e dal Progetto Genitori&Figli del Gruppo Abele. Sarà possibile fare visite guidate (su prenotazione, dalle 11 alle 17.30 del 21 dicembre) alla Venere degli Stracci di Michelangelo Pistoletto e all’installazione Così mi parve di luce rifratta, coinvolgendo piccoli gruppi su prenotazione, nel rispetto delle disposizioni di sicurezza e prevenzione anti-Covid.
    Info e prenotazioni: mail: [email protected] – tel: 0113841083

 

  • La giornata si concluderà con l’incontro, trasmesso in diretta Facebook sulla pagina @Gruppo Abele e rilanciato nel mondo durante la diretta social prevista per tutto il Rebirth-Day, a cura del network Ambasciatori Terzo Paradiso, tra Giovanni Ferrero in collegamento con Giorgio de Finis, coordinato da Anna Pironti, alle ore 18.30.
    Da una re-visione della Venere degli stracci (migrante) di Michelangelo Pistoletto allestita alla Fabbrica delle “e” del Gruppo Abele si apre la riflessione sul valore dell’arte nell’incontro con l’altro e sulla responsabilità sociale connessa alle pratiche artistiche, anche in relazione al progetto mondiale Rebirth-Day, 21.12 Giornata Mondiale della Rinascita

L’allestimento della Venere alla Fabbrica delle “e” è reso possibile dalla collaborazione tra il Dipartimento Educazione, il Gruppo Abele, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Rete Ambasciatori Terzo Paradiso.

 



Facebook