About Us

Tossicodipendenze: don Ciotti, droghe legali i veri pericoli

05 Giu Tossicodipendenze: don Ciotti, droghe legali i veri pericoli

19-03-2003

(Ansa) – Città del Vaticano, 19 mar – Ormai non ci sono più
solo le droghe tradizionali: le maggiori insidie arrivano dagli
stupefacenti sintetici e dalle dipendenze legali e troppo
sottovalutate, come l’alcol, il fumo, il gioco d’azzardo. La
denuncia arriva da don Luigi Ciotti, in un’intervista al
settimanale dei Paolini, Famiglia Cristiana.
“L’eroina – spiega il sacerdote da sempre impegnato in
prima linea nella lotta contro gli stupefacenti – è la droga
meno consumata, ma colpisce l’immaginario collettivo perchè
assorbe interamente la vita della persona. Il suo valore
simbolico distoglie l’attenzione da altri comportamenti
analogamente regolati da differenti oggetti del desiderio: altre
dipendenze legali o illegali, l’abuso di psicofarmaci, la
dipendenza da cibo che rende obesi gli occidentali hanno costi
sociali più alti perché molto più diffusi”. Di alcune droghe, come l’alcol
e il gioco d’azzardo, incalza il sacerdote, si parla poco perché sono legali. “Gli
sforzi per contenere questi consumi da parte dello Stato sono
spesso inefficaci e, di fatto, complici”, osserva don Ciotti.



Facebook

Twitter

YouTube