About Us

La gestione dell’aggressività nei luoghi del lavoro sociale

02 Mar La gestione dell’aggressività nei luoghi del lavoro sociale

 

Gestire l’aggressività nei contesti di bassa soglia, ovvero in quei servizi a stretto contatto con la marginalità sociale. Una questione con cui ogni giorno si confrontano molte figure professionali (educatori, operatori, psicologi, operatori pari) e che comporta un duplice rischio per chi lavora in questo ambito: da un lato l’essere più esposti all’emotività e all’aggressività degli utenti con cui ci si relaziona; dall’altro essere oggetto (o soggetto attivo) dell’aggressività di (o verso) altri operatori.

Il Gruppo Abele, che da oltre 50 anni, fa della vicinanza agli ultimi in un’ottica inclusiva e partecipativa la chiave del proprio operare, ha organizzato una giornata di riflessione, formazione e dibattito presso la Fabbrica delle “e” di Torino.
L’intento è di approfondire metodi e pratiche volte al contenimento dell’aggressività soprattutto degli utenti, ma anche degli operatori nei luoghi dell’accoglienza di persone a rischio esclusione sociale. I relatori che sono intervenuti, qui intervistati, sono Marco Bertoluzzo, criminologo e direttore del Consorzio assistenziale Alba, Langhe e Roero, ed Ezio Farinetti, psicologo e membro dell’Università della Strada del Gruppo Abele.

 

(toni castellano)



Facebook

Twitter

YouTube