About Us

Minori e migrazioni, in Italia ne spariscono 28 al giorno

13 Sep Minori e migrazioni, in Italia ne spariscono 28 al giorno

Grandi speranze alla deriva, è il titolo del rapporto Oxfam uscito l’8 settembre scorso. L’argomento, a legger bene dentro il titolo, è intuibile: i minori – le grandi speranze – alla deriva nel Mediterraneo.
I flussi migratori che l’Europa stenta a gestire muovono da anni milioni di persone provenienti da parti invivibili del pianeta. Tra questi milioni, moltissimi sono minori. Partono con la stessa intenzione degli adulti: sopravvivere. Ma spesso partono da soli, oppure perdono i propri accompagnatori lungo le migliaia di chilometri che devono affrontare. E diventano prede facili.
Quello che non era intuibile era la percentuale di minori non accompagnati che una volta sbarcati in Italia spariscono.
Spiega il rapporto che una volta “confinati” in un hotspot i minori fuggono oppure finiscono nelle mani della criminalità organizzata.
I numeri dicono che al 31 luglio del 2016 erano arrivati in Italia, “ormai quasi esclusivo punto d’arrivo dei flussi migratori diretti verso l’Europa”, 13.705 minori soli. In tutto il 2015 ne erano arrivati 12.360. Quei 13.705 sono il 15% di tutti i migranti arrivati in Italia nel 2016 (dati UNHCR).
Circa il 40% dei minori non accompagnati sbarcati sulle nostre coste si trova attualmente in Sicilia (dati Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali).
Il sistema di accoglienza per i minori si rivela talmente inadeguato – la denuncia di Oxfam – che in media ne spariscono 28 al giorno. Letteralmente, si allontanano e spariscono. Nei primi sei mesi del 2016 sono 5.222 quelli di cui si sono perse le tracce. Egiziani nel 23.2% dei casi. Somali nel 23.1%. Ed Eritrei, il 21.1%.
Prima ancora di Oxfam, ad aprile scorso, era stata Europol a lanciare l’allarme. L’Ufficio europeo di polizia stimò in primavera i bambini spariti attorno a un numero di 10.000.
Se la polizia segnala emorragie di questo genere è perché ha incrociato gli scomparsi nelle indagini di contrasto alla criminalità. Prostituzione e tratta di esseri umani sono i settori maggiormente interessati.
Il 19 settembre prossimo a New York inizierà il vertice dell’Onu sui flussi di rifugiati e migranti su larga scala. L’auspicio è che le decisioni del vertice abbiano realizzazioni concrete. E attente ai minori maggiormente esposti ai rischi delle migrazioni.

 

 Rapporto Oxfam – Grandi speranze alla deriva

 

(toni castellano)



Facebook

Twitter

YouTube