About Us

Alcolismo: dati allarmanti, ad aprile si punta sulla prevenzione

09 Apr Alcolismo: dati allarmanti, ad aprile si punta sulla prevenzione

Aprile è il mese dedicato alla prevenzione dell’alcolismo, e in questo periodo cadeva tradizionalmente la Festa di Primavera di Cascina Nuova, la comunità per persone con dipendenza da alcol gestita a Roletto dall’associazione Aliseo. Quest’anno ancora non si sa se e quando le restrizioni legate alla pandemia consentiranno il consueto evento aperto al territorio, da sempre un momento di socializzazione ma anche di sensibilizzazione importante, utile a far riflettere le persone sui rischi legati a un consumo eccessivo di bevande alcoliche, così come a combattere lo stigma verso chi sperimenta una vera e propria dipendenza, che condiziona pesantemente la salute fisica e psichica.

La festa si farà forse più avanti, ma il lavoro di prevenzione promosso da Aliseo non si ferma. Anche perché i dati dell’Istituto superiore di sanità (Iss) relativi all’ultimo anno destano parecchia preoccupazione. L’acquisto di bevande alcoliche ha fatto segnare aumenti anche del 180% nel periodo marzo-dicembre 2020, e questo dato, seppure temperato dal minore consumo nei luoghi pubblici a causa della prolungata chiusura di bar e locali, suggerisce non improbabili correlazioni con le ansie legate al lockdown e più in generale alla pandemia.
Gli esperti sottolineano infatti che l’alcol è fra le sostanze cui maggiormente si ricorre come forma di auto-medicazione in caso di stress e disagio psicologico. Inoltre, a inizio pandemia, le agenzie di salute pubblica hanno dovuto contrastare, attraverso specifiche campagne informative, il diffondersi di fake news che indicavano negli alcolici addirittura una possibile risposta terapeutica al Covid.

Se nel 2019 si stimavano in 8 milioni e 700mila i consumatori di alcol problematici, cioè a rischio di cadere in forme di dipendenza, oggi secondo l’Iss sono più di 10 milioni: una crescita repentina e allarmante. Non solo: circa il 20% delle persone che, grazie a un percorso terapeutico, erano uscite dalla dipendenza, nel corso del 2020 hanno segnalato delle ricadute.
Il problema è trasversale alle fasce d’età. Se un anno fa erano circa 800mila i minorenni che dichiaravano di consumare alcol, oggi hanno superato il milione. Mentre il monitoraggio sulle abitudini degli anziani rileva che gli ultra sessantacinquenni che bevono alcolici sono passati dal 39% del 2019 al 45% del 2020. Parliamo di aumenti che riguardano l’uso, non per forza il consumo problematico. Ma certo una crescita percentuale così veloce induce a riflettere e correre ai ripari.

L’impegno di prevenzione dunque non si ferma e per quanto riguarda Aliseo si concentra soprattutto nel territorio torinese e pinerolese. Dagli incontri in libreria con autori di testi a tema agli aperitivi informativi analcolici in piazza: quest’anno molte attività dovranno spostarsi online per rispettare le misure sanitarie. Così come online si stanno svolgendo anche i cicli di incontri del progetto Dedalo, rivolto alle scuole superiori di Torino. I vari appuntamenti sono finalizzati a creare consapevolezza rispetto agli effetti e ai pericoli dell’alcol e a innescare meccanismi virtuosi di peer-education. Il progetto prevede inoltre momenti di confronto con i genitori degli studenti.

Si svolgono infine in parte sul web e in parte in presenza, per simulare con specifici strumenti alcuni effetti dell’ebbrezza, le lezioni per i patentandi delle autoscuole torinesi. Attraverso una riflessione a tutto tondo sulle conseguenze dell’alcol quando si guida, si punta a prevenire uno dei fenomeni più strettamente alcol-correlati, ossia gli incidenti stradali.

Se insomma la pandemia ci pone di fronte a un consumo maggiore di alcol, con conseguenti maggiori rischi di lungo periodo per la salute pubblica, è tanto più vitale in questo aprile 2021 moltiplicare gli sforzi nella prevenzione.

 

Sostieni i nostri progetti

 

(cecilia moltoni)



Facebook