About Us

Cambiare il sistema: è uscito il 17° Rapporto sui diritti globali

11 Feb Cambiare il sistema: è uscito il 17° Rapporto sui diritti globali

La diciassettesima edizione del Rapporto sui diritti globali mette in primo piano il tema dell’ambiente e della sua tutela. Il titolo è Cambiare il sistema e il riferimento è al sistema umano e a come questo strumentalizzi quello naturale e tutti gli altri per asservirli alle necessità, molto spesso superficiali, dell’economia e del denaro.
Il documento, curato da Società INformazione Onlus, pubblicato da Ediesse e promosso dalla Cgil, vede l’adesione di numerose associazioni italiane impegnate sui diritti, quali Antigone, Action Aid, Arci, Cnca, Fondazione Basso, Gruppo Abele, Legambiente e Rete dei Numeri Pari, e sottolinea i vincoli, non più celati, tra finanza, politiche globali, guerre e migrazioni.
È
suddiviso in quattro macro-capitoli: economia, finanza e lavoro (con un focus dedicato alla Green New Deal); politiche sociali (il focus concerne la questione del reddito di base, con un’utile panoramica delle sperimentazioni a livello mondiale); internazionale, diritti e conflitti (con un approfondimento che analizza il mercato degli armamenti e le nuove tecnologie belliche); ambiente e beni comuni (centrato sulla questione dell’inquinamento da plastiche).
Si tratta di uno studio unico a livello internazionale, che propone un’analisi approfondita tanto dei processi economici e finanziari, quanto di quelli politici e sociali in svolgimento sul teatro mondiale, avendo particolare attenzione alla loro interdipendenza e alle problematiche che ne derivano rispetto al mondo del lavoro e del governo del territorio, nonché sul piano dei diritti umani, sociali e politici, fino all’impatto con i temi del quadro geopolitico mondiale e i relativi conflitti, delle questioni ambientali su scala nazionale e internazionale.
Il Rapporto mette insieme veri e propri cataclismi quali il diboscamento, avvenuto nel 2019, di aree amazzoniche pari a 2.250 chilometri quadrati di foresta pluviale; gli incendi che hanno colpito la Siberia, provocando, stima Greenpeace Russia, 166 milioni di tonnellate di anidride carbonica; e il più recente rogo australiano con la lentezza decisionale e complice della politica del galleggiamento, o peggio della corsa al centro. Direzione unica che in Italia e nel mondo ha finito per tagliare fuori centinaia di migliaia di elettori dal sistema del voto, avviando una stagione di successi per la parte più piatta della rappresentanza: i populismi.
Ma non solo, insieme al voto per chi urla di più, il Rapporto descrive il contemporaneo sviluppo di un insieme di movimenti che aspirano a declinare insieme la rivendicazione della giustizia climatica con quella sociale: Friday for Future e Extinction Rebellion sono solo due esempi di una scossa che è nata nel mondo dei più giovani. “Le nuove generazioni hanno la perfetta consapevolezza che il futuro si conquista oggi – ha spiegato, durante la presentazione del Rapporto, Sergio Segio, il curatore –  Grazie a questi movimenti e alle ricerche degli scienziati è cresciuta la consapevolezza della gravità della situazione, ma è sotto gli occhi di tutti anche la lentezza della politica”. Anche per questo il titolo, Cambiare il sistema, va letto in chiave esortativa.

Acquista il Rapporto sui diritti globali 2019



Facebook