About Us

Il 26 novembre a Torino la Testing night per l’Hiv

17 Nov Il 26 novembre a Torino la Testing night per l’Hiv

Dai dati dell’indagine pubblicata dall’Osservatorio Giovani e Sessualità, realizzato da Durex e Skuola.net, in collaborazione con EbiCo, spin-Off accademico dell’Università di Firenze, che viene svolta annualmente dal 2018, su un campione di oltre 15mila ragazzi tra gli 11 e i 24 anni risulta che solo il 49% dei ragazzi è solito utilizzare il preservativo.
L’approccio al sesso è sempre più precoce: il 42% degli intervistati afferma di aver avuto il primo rapporto sessuale tra i 15 e i 16 anni. Ma il vero problema è che alla precocità si accompagna meno consapevolezza. E quindi, maggior rischio. Come detto sopra, nel 2020, anno dei lockdown, meno della metà degli intervistati ha utilizzato abitualmente il preservativo. Nel 2018 a dichiarare di usarlo era stato il 57%.
Non solo. Il 15% degli intervistati ritiene il coito interrotto una pratica utile contro gravidanze indesiderate e Infezioni Sessualmente Trasmissibili (IST). Nel 2020 era l’8%. Ancora, Il 45% degli intervistati, ha una conoscenza imprecisa riguardo alle IST. Imprecisa al punto da rispondere erroneamente alla domanda “Quali tra queste NON è una malattia sessualmente trasmissibile tra: cistite, clamidia, gonorrea, HIV, papilloma virus e sifilide?” Solo il 55% degli intervistati ha risposto: cistite.

Alla disinformazione occorre rispondere con la formazione e la sensiblizzazione.
In previsione della Giornata mondiale per la lotta all’Aids del 1° dicembre la rete di associazioni del progetto Torino Fast Track City aderisce alla European Testing Week, concentrata nella serata del 26 novembre. Dalle 18 alle 22, gli operatori torinesi di ANLAIDS, ArcobalenoAIDS, CasArcobaleno, Croce Rossa, Associazione Giobbe, LILA e Gruppo Abele organizzano la Testing night, una serata di test gratuiti per l’Hiv e di informazione su rischi e prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST), sostenuta dal Ministero delle Politiche sociali e in collaborazione con la Regione Piemonte. Test e colloqui si terranno in tre sedi contemporaneamente. La prima, la Fabbrica delle “e”, sede del Gruppo Abele, in corso Trapani 91/b. La seconda, nella sede di CasArcobaleno, in via Lanino 3/a e, la terza nella sede del Comitato torinese della Croce Rossa, in via Bologna 171.
Per tutte e tre le sedi il test è gratuito. È necessario prenotarsi, in modo totalmente anonimo, tramite mail o telefono.
Gruppo Abele, mail: vic@gruppoabele.org – cell: 3315753835;
CasArcobaleno, mail: salutedicasa@gmail.com – cell: 3515774514;
Croce Rossa, dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 18, al numero 3405322335

Fast Track City rappresenta un approccio dedicato al tema di HIV/AIDS basato su una agenda dettagliata con passaggi e obiettivi fissati per concretizzare iniziative e cambiamenti d’opinione a livello globale, continentale, nazionale e cittadino. L’agenda prevede traguardi ambiziosi e una buona dose di impegno per diffondere la cultura della prevenzione e attivare i servizi di test e trattamento, soprattutto in un’ottica di vita comunitaria, e ancor di più alla luce di quello che abbiamo imparato con la pandemia da Covid.

Le municipalità aderenti a Fast Track City si impegnano, con le associazioni del territorio coinvolte nella lotta all’HIV/AIDS, a raggiungere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e l’eliminazione dello stigma legato alla sieropositività. Da qui, per il 2021, l’idea concreta di una Testing night gratuita e anonima, in luoghi aperti della città per garantire prossimità e vicinanza  a chiunque voglia fare il test o ricevere informazioni, compresi coloro che non riescono ad accedere direttamente ai servizi ambulatoriali e ospedalieri.
Insomma, quella del 26 novembre è una serata di test sanitari per mettere alla prova i legami comunitari.

(toni castellano)

Scarica la mappa dei test-point

 

 



Facebook