About Us

La fragilità dei padri in un mondo che cambia

16 Lug La fragilità dei padri in un mondo che cambia

In un mondo che cambia, compito del Terzo settore è di riconoscere i mutamenti e rispondere con azioni che vanno nella direzione del bene comune. Il senso della nascita della prima Comunità papà – bimbo in Italia, a Villa Santa Croce di San Mauro, sta tutto qui. Il perché lo spiegano bene le stime dell’Istat: nel 2018 sono 140mila i nuclei monofamiliari di soli padri. Una minoranza numerosa davanti alla quale non si può girare la testa dall’altra parte. Ne abbiamo parlato con Mauro Melluso, responsabile della Comunità genitore – bambino del Gruppo Abele, per tirare le somme del primo anno d’attività e per ragionare sulla situazione del presente.

Com’è nata e da dove, l’idea di investire risorse ed energia in un progetto così inedito?
Oggi, rispetto a 20/25 anni, c’è una massiccia presenza di famiglie monogenitoriali. Ma per il senso comune, mono­genitorialità significa quasi esclusivamente mamma con figli. Non è così: su un milio­ne di nuclei monogenitoriali, ben 140mila hanno come unico genitore il padre. Si tratta di una percentuale superiore al 10%: minoritaria ma co­munque rappresentativa. Da qui il senso di questo progetto. Innovativo anche perché disattende l’idea che sola la madre sia una base sicura e affidabile per la crescita del bambino.

Riesci a tracciare un bilancio del primo anno di attività? 
Il servizio è partito a gennaio, e subito ci sono arri­vate richieste da ogni parte d’Italia. Il che ci conferma l’utilità e soprattutto l’urgenza del progetto. Il cui pieno funzionamento necessita però di una rete che è ancora debole, poco estesa o del tutto inesistente. Un bilancio quindi è parziale e pre­maturo. Si potrà fare quando saranno colmate le distanze tra le molte realtà coinvolte in questo progetto, pubbliche e private, associazioni e istituzioni. Per parte nostra, ci stiamo impegnando a colmarla: come sempre il Gruppo Abele ritiene il noi, cioè la corresponsabilità, il prerequisito per costruire una società dove nessuno sia e si senta escluso, dove tutti siano riconosciuti nella loro dignità.

 

L'area Vulnerabilità familiare del Gruppo Abele

 

(piero ferrante)



Facebook