About Us

Non esiste giustizia senza bellezza. Torna “Armonia”, la rassegna artistica di Cascina Caccia

21 Giu Non esiste giustizia senza bellezza. Torna “Armonia”, la rassegna artistica di Cascina Caccia

Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, il 25 e 26 giugno torna Armonial’arte libera il bene, la rassegna artistica che si svolge ogni anno nella splendida cornice di Cascina Carla e Bruno Caccia a San Sebastiano da Po, bene confiscato alla famiglia di Domenico Belfiore, mandante dell’omicidio del Procuratore Capo di Torino Bruno Caccia.

Quest’anno la manifestazione si apre nel ricordo di Letizia Battaglia e della sua arte contro le mafie e tutti i sistemi che creano povertà; e si chiude in quello di Caccia, assassinato proprio il 26 giugno, nel 1983.

La rassegna artistico-musicale, arrivata alla 12° edizione, pone al centro l’arte e la cultura, perché “non esiste giustizia senza bellezza”, come diceva Letizia Battaglia ed è realizzata da Libera PiemonteAcmosGruppo Abele e Cooperativa Nanà,  in collaborazione con il Comune di San Sebastiano da Po, per ricordare Bruno Caccia e sua moglie Carla.

Per partecipare alle serate (di seguito il programma) è necessario prenotarsi indicando, nominativo, numero di telefono, la/le date e il numero di persone presenti, scrivendo a info@liberapiemonte.it o telefonando allo 0113841081 entro il 24 giugno.

—–

Sabato 25 giugno
> Ingresso a offerta minima 10 euro con consumazione. Navetta dal cimitero di San Sebastiano da Po dalle 18.00 <
ore 18.30
– inaugurazione della mostra dedicata a Letizia Battaglia
ore 19.30 – apertura  stand gastronomici
ore 21.30 – concerto degli Spell of Ducks

Domenica 26 giugno
> Durante la serata  stand gastronomici e intrattenimento musicale. Servizio navetta dalle 19,30 per coloro che non partecipano alla marcia <
ore 18.30
– ritrovo in Via Rigonda a San Sebastiano da Po
ore 18.45 – marcia in ricordo del Procuratore Capo di Torino Bruno Caccia
ore 19.15 – interventi delle istituzioni, della famiglia Caccia e del presidente onorario di Libera, Gian Carlo Caselli



Facebook