About Us

Slide background
Slide background
Slide background

La creatività di In-Tessere premiata dalla Rete del Dono
di Federica, Giorgia, Giulia, Piero, Toni degli uffici comunicazione e raccolta fondi


Tutti gli editoriali

 Notizie

“Azzardo, un settore evanescente che fa soldi sulla pelle delle persone”
Conferenza stampa, a Binaria, contro la proposta avanzata dalla giunta regionale piemontese di modificare la legge 9/2016 a contrasto della diffusione del gioco d’azzardo. Alcune associazioni, riunite in cartello, hanno presentato i dati che spiegano i benefici della norma

Hikikomori. Adolescenti isolati e famiglie smarrite
Leopoldo Grosso, psicoterapeuta e presidente onorario del Gruppo Abele, intervenuto nella prima serata del ciclo Famiglie Tecno-Logiche, ha spiegato approfonditamente chi sono gli Hikikomori, quali sono le cause del ritiro sociale, fenomeno sempre più frequente tra gli adolescenti, e come le famiglie possono assistere i figli che presentano i sintomi della rinuncia alle relazioni dirette

Tutte le notizie›

 In evidenza

Wanawake, sorelle senza confini
Il 22 febbraio alle 18 a Binaria, la presentazione del reportage-video realizzato da Roberta Dho nell’ambito del progetto Frame Voices Report, con la presenza di alcune delle protagoniste. Serata organizzata dal Gruppo Abele in collaborazione con il Collettivo delle Donne africane in Italia

 Dicono di noi

21.02.2020 | Corriere della Sera Cronaca Torino – Il grido delle associazioni. “Non cambiate la legge sul gioco d’azzardo”
La redazione torinese del Corriere della Sera dedica due pagine di cronaca e approfondimenti sull’azzardo a seguito della conferenza stampa tenuta ieri a Binaria da un cartello di associazioni, tra cui il Gruppo Abele e Libera Piemonte, convocata per dire no a ogni tentativo di modifica della legge 9/2016. A firmare i pezzi, Lorenza Castagneri

18.02.2020 | La Presse – Mafia, don Ciotti: politica dia risposte alle richieste dei familiari delle vittime
“La lotta alle mafie non può diventare un esercizio retorico, uno strumento di facile consenso. I familiari meritano considerazione e sono 25 anni che chiedono le stesse cose. Ora basta!”. Così il presidente di Libera e Gruppo Abele durante il presidio organizzato dall’associazione Libera davanti al Parlamento

Tutti gli articoli›

LA NOSTRA RETE

Facebook